Dopo la paura, la commozione: il carabiniere eroe incontra il piccolo salvato dall'incendio

Sabato pomeriggio il piccolo e la sorella hanno rischiato la vita nel rogo che ne ha distrutto la casa. Li ha salvati un maresciallo, che si è gettato tra le fiamme senza esitare

Il luogotenente Valentino Raiteri e il maresciallo maggiore Nicola Pontarin in visita al piccolo sopravvissuto insieme al sindaco di Mestrino, Marco Agostini

Il bimbo, dimesso dall'ospedale, ha potuto incontrare i carabinieri che lo hanno salvato dal rogo della sua abitazione.

Piccoli e grandi protagonisti

É stato un pomeriggio speciale quello di martedì, che ha permesso a una famiglia di ringraziare i propri angeli custodi e ai militari di apprezzare ancora di più l'importanza del proprio lavoro. Il luogotenente Valentino Raiteri e il maresciallo maggiore Nicola Pontarin, comandante e vice comandante della caserma di Mestrino, hanno fatto visita al bambino di cinque anni salvato sabato pomeriggio dall'incendio che ne ha distrutto la casa. Il piccolo è stato dimesso stamattina dall'ospedale di Padova, dove è rimasto in osservazione per un principio di intossicazione da monossido di carbonio. Ora insieme alla mamma e ai fratelli è ospite di una zia, in attesa di trovare un nuovo alloggio.

carabinieri mestrino salvataggio incendio-2

Il salvataggio

Alle 16 di sabato in una casa popolare di Mestrino scatta l'allarme: un condomino si accorge che uno degli appartamenti sta andando a fuoco. All'interno ci sono due fratelli, la maggiore ha 15 anni, il piccolo solo 5. Il vicino corre ad avvisare i carabinieri e il maresciallo Pontarin insieme ai colleghi non esita un solo istante. Dalla strada si sentono le grida disperate: recupera una scala a pioli, la poggia contro la finestra ed entra nell'appartamento ormai invaso dal fumo. Fa uscire la ragazzina, poi si fa largo tra le fiamme fino alla cameretta del bambino. Quando li vedono uscire insieme tutti i presenti si sentono davanti a un miracolo. L'alloggio è inagibile, ma fortunatamente nessuno è rimasto ferito gravemente.

La commozione

Oggi pomeriggio, alla presenza del sindaco Marco Agostini, la più commossa era la mamma. Emozionatissima, ha ringraziato di cuore il vice comandante, anche lui felicissimo nel ricordare quei momenti, tanto spaventosi all'inizio ma pieni di soddisfazione poi. «Un episodio che ricorderò per tutta la vita» ha commentato. E certamente non sarà l'unico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue sulle strade padovane: frontale auto-furgone, un morto e due feriti

  • Luca Zaia attacca Poiana: «Non si può andare in tv a sputtanare il Presidente della Regione, ditelo a Pennacchi»

  • Clio all'ombra del Santo: apre a Padova il temporary store della celebre make-up artist

  • Tragedia lungo l'autostrada: padovano schiacciato sotto il suo camion

  • 30 secondi di pura magia: il video spot del Natale a Padova

  • Un corpo riaffiora dal canale. Il deambulatore abbandonato prima della tragedia

Torna su
PadovaOggi è in caricamento