Sciopero all'Ikea: decine di lavoratori in presidio all'ingresso

Striscioni, bandiere e cartelli eloquenti da parte dei dipendenti del negozio di Padova iscritti alle sigle sindacali confederate: disagio per i clienti

Sciopero all'Ikea

Domenica "movimentata" all'Ikea: decine e decine di lavoratori hanno incrociato le braccia all'esterno del punto vendita di via Fraccalanza a Padova Est. Dopo lo sciopero "a sorpresa" dei giorni scorsi, che ha visto coinvolti circa 100 dipendenti, i lavoratori sono tornati a darsi appuntamento all'ingresso del negozio.

IL PRESIDIO. Striscioni, bandiere ed anche qualche cartello eloquente ("i nostri diritti non si smontano") hanno accompagnato il presidio: sul tavolo sempre la questione del rinnovo del contratto integrativo aziendale che prevede tagli agli stipendi e adeguamenti in relazione ai bilanci del colosso svedese. Qualche disagio per i clienti che hanno potuto comunque entrare regolarmente nel negozio ma hanno trovato il bar e il ristorante chiusi oltre a disservizi nei settori Cambi & Resi, Småland, Finanziamenti e Pianificazione cucine.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il trattore trancia un tubo di gasolio: la perdita fa scoprire l'allacciamento abusivo

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Vintage Festival, festa dell’uva e del vino, incontri culturali e sagre: il weekend a Padova

  • Evasione fiscale: le fiamme gialle confiscano 500mila euro di beni a un imprenditore

  • Curva ad alta velocità, auto sbanda e si rovescia di prima mattina: ferita una donna

Torna su
PadovaOggi è in caricamento