Celeste Breda, il mistero si infittisce. Ritrovata l'auto lungo l'argine del Bacchiglione

Svolta nel caso dell'anziana scomparsa domenica dal quartiere San Lazzaro. La sua Fiat era parcheggiata lungo un argine nel comune di Polverara. Ricerche ancora senza esito

I carabinieri sul luogo del ritrovamento dell'auto. Nel riquadro, Celeste Breda

A quattro giorni dalla scomparsa le sorti di Celeste Breda restano avvolte nel mistero. Le nipoti non si danno pace e continuano a diffondere appelli via social network. Nella notte una prima svolta, con il ritrovamento dell'utilitaria della 75enne.

L'auto lungo l'argine

A scoprirla sono stati i carabinieri, impegnati nelle ricerche insieme ai vigili del fuoco e ai volontari della protezione civile. La Fiat Panda grigia di Celeste era parcheggiata nelle campagne di Isola dell'Abbà, vicino all'argine del Bacchiglione. Regolarmente chiusa a chiave, dalle prime indiscrezioni pare non presentasse segni di manomissione. Della donna nelle immediate vicinanze non c'era traccia: mentre gli inquirenti indagano per capire da quanto tempo il veicolo si trovasse lì, le ricerche si stanno concentrando sul fiume.

La scomparsa

A denunciare la scomparsa di Celeste sono state le due nipoti che lunedì mattina, non riuscendo a contattarla, si sono recate nella sua abitazione di San Lazzaro. La donna vive sola dopo la recente scomparsa del marito, dalla quale pare non si sia mai completamente ripresa. Nell'appartamento nulla era fuori posto: telefonino e documenti sono rimasti in casa, mancava solo la Panda grigia.

Gli appelli

Immediate le segnalazioni alle forze dell'ordine e l'avvio del tam tam sui social con la diffusione di un appello diramato in tutta la provincia. Mercoledì sera il caso è stato trattato anche dalla trasmissione "Chi l'ha visto?". Al momento di Celeste, la cui scomparsa potrebbe risalire alla giornata di domenica, non si hanno altre notizie.

Tante domande

Sono poco più di una decina i chilometri che separano l'abitazione della donna dal luogo di ritrovamento dell'auto, resta da capire se la 75enne li abbia percorsi da sola e se una volta abbandonata l'utilitaria si sia allontanata a piedi. Per andare dove? Perché dirigersi proprio a Isola dell'Abbà? Ha agito da sola in preda a un momento di sconforto o di confusione? Sono alcune delle tante domande a cui gli inquirenti stanno tentando di dare una risposta.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il trattore trancia un tubo di gasolio: la perdita fa scoprire l'allacciamento abusivo

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Vintage Festival, festa dell’uva e del vino, incontri culturali e sagre: il weekend a Padova

  • Evasione fiscale: le fiamme gialle confiscano 500mila euro di beni a un imprenditore

  • Curva ad alta velocità, auto sbanda e si rovescia di prima mattina: ferita una donna

Torna su
PadovaOggi è in caricamento