Manganellate mercoledì sera in piazza dei Signori: contestata la serata sulle Foibe

Una ventina di manifestanti ha tentato di avvicinarsi a sala Nassiriya dove era in corso un incontro di Fratelli d'Italia. In seguito alcuni attivisti si sono scontrati con la polizia

Tensione mercoledì sera fuori dalla sala Nassiriya di piazza Capitaniato dove c’è stata una leggera carica della polizia.

Episodi distinti

Le forze dell’ordine hanno prima tentato di fermare una ventina di attivisti, tra cui i membri di Marzolo Occupata, che hanno srotolato lo striscione “Morte al fascismo, libertà ai popoli” cercando di boicottare l'iniziativa in corso. All’interno della sala si svolgeva un incontro di Fratelli d’Italia sulle Foibe. Successivamente alcuni membri dei collettivi studenteschi e di Padova Antifascista, che come ogni mercoledì si trovavano in centro per la "passeggiata antifascista", si sono portati in zona, dove hanno avvistato un gruppetto di esponenti di destra all'interno di un locale della piazza. Dopo qualche insulto, quando la situazione sembrava placata, i veicoli della polizia sono stati richiamati sul posto e si sono verificati dei tafferugli con i manifestanti rimasti, circa una ventina.

Tafferugli in Piazza dei Signori

Stando alle ultime ricostruzioni alcune decine di attivisti, tra cui alcuni appartenenti al centro sociale Pedro, dopo essersi radunati attorno a un bar di piazza Capitaniato, si sarebbero recati intorno alle 23 in piazza dei Signori all'esterno del bar Marlé perché nel corso dei loro giri avevano individuato tra i clienti dell'esercizio pubblico due esponenti di estrema destra, al momento non identificati. Il Reparto Mobile, che aveva da poco lasciato la piazza dopo essere stato presente con una camionetta durante la precedente contestazione, è stato allertato nel momento in cui due membri del gruppo antifascista sono entrati nel bar spintonando gli avversari politici ed invitandoli a uscire per un confronto tutt'altro che pacifico. Alla vista dell'assembramento i militari, che avevano parcheggiato il furgone all'incrocio con via Dante, hanno effettuato una carica di alleggerimento per disperdere gli attivisti del centro sociale: nel corso dell'azione è volata qualche manganellata, e ci sarebbe un contuso.

Global Project

Sulla pagina Facebook globalproject.info si vede un video degli scontri tra manifestanti e polizia e si legge: “Nel corso della “passeggiata antifascista”, che da diversi mesi ogni mercoledì sera diverse realtà e singolarità antifasciste fanno nelle vie del centro, c’è stata una provocazione da parte di alcuni neofascisti, prontamente allontanati da piazza dei Signori. La celere, presente in piazza per via di un convegno organizzato da Fratelli d’Italia, ha caricato gli antifascisti/e. Questi, nonostante le manganellate, sono rimasti in piazza, avanzando e costringendo la polizia a indietreggiare”. Nella notte è anche comparsa in via Solferino una grande scritta: “Padova Antifa", che nel corso della mattinata è stata cancellata.

27946821_10158105610094988_1576717388_o (1)-3

FuoriNorma

Anche il gruppo FuoriNorma riporta la propria versione dell'accaduto su Facebook, pubblicando un video e un post. "Totalmente a caso la celere, schierata in piazza dei Signori - si legge - ha deciso di caricare un gruppo di attivisti che avevano appena svolto la solita passeggiata antifascista per le vie del centro. Manganellate senza una motivazione e continue provocazioni da parte del reparto mobile a difesa di qualche fascista presente in piazza". Sembra che alcuni attivisti abbiano riportato lievi contusioni nello scontro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cani e proprietari: emergenza Coronavirus, come comportarsi col proprio animale

  • Michele, con la famiglia in isolamento per senso di comunità

  • Live - Coronavirus: morto Adriano Trevisan, altri 9 casi accertati a Vo'. Università chiuse

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: secondo paziente dimesso, 12 casi tra Limena, Curtarolo e San Giorgio in Bosco

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: nuovi casi in provincia, negativo il tampone del presunto "paziente zero". Scuole, università, uffici chiusi

  • Coronavirus, c'è un contagiato a Vigodarzere. É uno degli infettati a Dolo

Torna su
PadovaOggi è in caricamento