"NoExpo" a Milano, parla l'agente padovano ferito da molotov: video

L'intervista su RaiUno alla trasmissione "L'Arena" al poliziotto del Secondo Reparto mobile di Padova, Alessio Padovano, colpito durante gli scontri nel capoluogo lombardo per l'apertura dell'Expo

A sinistra l'agente ferito, a destra lo stesso Alessio Padovano nell'intervista in tv

Dopo la devastazione andata in scena a Milano venerdì 1 maggio, durante la manifestazione "NoExpo", degenerata nei violenti scontri Milano Expo Black bloc poliziotti di Padova colpiti da molotov
dei black bloc
in occasione dell'apertura dell'Esposizione internazionale, intervistato dalle telecamere della trasmissione andata in onda su "L'Arena" a "Domenica In" per RaiUno, parla Alessio Padovano, l'
agente del Secondo reparto Mobile di Padova, rimasto ferito ad una gamba colpita da una molotov.

Riportiamo di seguito l'intervista:

"Cosa prova a rivedere queste immagini? Lei per terra colpito da una molotov?"

Beh, sicuramente due sentimenti molto forti: uno positivo e l'altro negativo. Quello positivo è avere avuto i mie colleghi vicini, la mia squadra, il contingente pronto a proteggermi e ad aiutarmi, sicuramente devo molto a loro di questa situazione ben riuscita; negativo perché manifestare un qualcosa, un ideale, e far sì che l'unico mezzo di comunicazione sia la violenza, al giorno d'oggi, mi lascia ancora abbastanza sconcertato.

Cosa hai pensato in quel momento?

Ero sia spaventato, perché in quei momenti qualsiasi essere umano prova paura, e appunto per questo noi facciamo degli addestramenti, siamo preparati e pronti a gestire quelle situazioni, e anche un senso di serenità, sapevo che non mi avrebbero lasciato solo, i miei colleghi erano tutti lì pronti per me.

Se potessi dire qualcosa a questi ragazzi incappucciati, cosa gli diresti?

Guardandomi allo specchio, vorrei chiedere a lui se, allo stesso modo, guardandosi allo specchio, riesce a vedere le differenze fra me e lui e riesce a vedere lui in me, con la divisa che indosso, e con quello che rappresento, un nemico o un pericolo per lui e per gli altri, se un qualsiasi volto, mio o di qualsiasi altro mio collega, possa essere per loro un nemico o qualcuno che veramente possa ostacolare i loro ideali in maniera violenta.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incendio all'interno di una palazzina di Mestrino: salvato un bambino di sei anni

  • Cronaca

    Impresa di Paolo Venturini nella remota Russia: 39 chilometri a -52 gradi

  • Cronaca

    Minacciano con un coltello il cuoco: denunciati due 17enni in comunità

  • Sport

    Volley serie A, Dalle stalle alle stelle: la Kioene arranca ma poi travolge Monza

I più letti della settimana

  • Scossa di terremoto in Romagna: la terra trema anche in tutto il padovano

  • Gravissimo incidente nell'Alta: le vittime sono due anziani fratelli, morti tra le lamiere

  • Investimento mortale in stazione, treni in tilt: ritardi fino a tre ore su tutta la linea

  • Tremendo schianto auto-camion: morto il sommelier padovano dell'Antico Brolo

  • Tragedia sul lavoro: investito dal collega, muore dopo la disperata corsa all'ospedale

  • De Leo-Tindaci, il mistero delle foto a 14 anni dall'incidente. La famiglia di Mattia vuole la verità

Torna su
PadovaOggi è in caricamento