Scontri tra ultras in autogrill: la questura di Rimini diffonde i frame, 10 diffidati padovani

A una settimana dalla notizia dei diffidati, dal capoluogo romagnolo arrivano le immagini dei tafferugli tra le opposte tifoserie, le indagini proseguono per individuare altri colpevoli

Uno dei frame con gli scontri

La questura di Rimini ha diffuso un comunicato nella giornata di mercoledì. La notizia era stata riportata dagli organi di informazione padovani la settimana scorsa proprio alla vigilia del derby col Vicenza

Il comunicato

La Digos di Rimini, coordinata dal sostituto procuratore Paolo Gengarelli, ha portato a termine un’indagine culminata con la piede libero 22 ultras appartenenti alle tifoserie di Padova e di Vicenza che, nella giornata di domenica 22 settembre alle ore 13, nel parcheggio dell’area di servizio “Montefeltro Ovest” dell’autostrada A14, direzione Ancona, si erano resi responsabili di una violenta rissa con l’utilizzo di mazze, bottiglie di vetro e cinture. Durante la sosta in autogrill i vicentini, scortati da una pattuglia della polizia, stavano salendo su un pullman pronto a partire per Gubbio. A quel punto sono comparsi una settantina di padovani arrivati a bordo di veicoli privati, che hanno fermato all’inizio della zona di parcheggio in un punto non visibile agli ultras berici. Sono scesi, incappucciati e armati di mazze, puntando i rivali.

La ricostruzione

Secondo la Digos, della presenza dei vicentini erano stati presumibilmente avvisati dal precedente passaggio di altri tifosi biancoscudati. Dopo essersi compattati, alla guida del capo ultras, i padovani hanno iniziato a correre scagliando bottiglie di vetro e altri oggetti per poi raggiungere, circondare e assaltare il pullman, rimasto danneggiato. I vicentini hanno reagito brandendo cinture con fibbie metalliche e procurando lesioni gravi all'occhio di un padovano. Il personale di scorta della questura di Vicenza è intervenuto prontamente e un agente è stato colpito con un bastone da un ultras del Biancoscudo, ferendosi un braccio e dovendo ricorrere alle cure del pronto soccorso.

Scontri Padova Vicenza 1-2

Le indagini

Sul posto sono intervenuti anche polizia stradale, volanti e digos, ma i tifosi erano già ripartiti. Quest'ultima, con il coordinamento dell procura di Rimini, ha avviato un'indagine in collaborazione con i colleghi di Padova, Vicenza, Perugia e Pesaro, acquisendo le immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza presenti in zona. Gli accertamenti hann permesso di identificare 22 ultras (10 padovani e 12 vicentini) responsabili, a vario titolo, dei reati di rissa, utilizzo di oggetti atti ad offendere, possesso di oggetti atti ad offendere, travisamento, danneggiamento, lesioni personali, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate e finalizzate a commettere la resistenza. Nelle giornate successive e prima dell’incontro di calcio che vedeva opposte le stesse squadre, il questore di Rimini ha emesso 22 daspo, dieci dei quali con obbligo di firma in occasione delle partite giocate dalle due società.

Scontri Padova Vicenza 3-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cani e proprietari: emergenza Coronavirus, come comportarsi col proprio animale

  • Michele, con la famiglia in isolamento per senso di comunità

  • Live - Coronavirus: morto Adriano Trevisan, altri 9 casi accertati a Vo'. Università chiuse

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: nuovi casi in provincia, negativo il tampone del presunto "paziente zero". Scuole, università, uffici chiusi

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: secondo paziente dimesso, 12 casi tra Limena, Curtarolo e San Giorgio in Bosco

  • Coronavirus, c'è un contagiato a Vigodarzere. É uno degli infettati a Dolo

Torna su
PadovaOggi è in caricamento