Anche per il 2020 oltre 3mila anziani padovani godranno del trasporto pubblico gratis 

Cambiano le modalità per ottenere le agevolazioni ma rimangono coperti gli stessi utenti: nei mesi scorsi si è lavorato per rivedere il criterio sul quale calcolare le agevolazioni


Anche per il prossimo anno oltre 3mila anziani padovani godranno del trasporto pubblico gratis. Cambiano però le modalità per ottenere le agevolazioni e rimangono coperti sostanzialmente gli stessi utenti.  Nei mesi scorsi si è lavorato per rivedere il criterio sul quale calcolare le agevolazioni tariffarie per pensionati ed invalidi residenti nel Comune di Padova, assumendo quale riferimento per la gratuità l’indicatore Isee anziché il Cud. Potranno accedere alle agevolazioni per l’abbonamento annuale i pensionati con un Isee fino 13.338,26 € (il doppio del valore minimo INPS). Per le agevolazioni che riguardano l’abbonamento trimestrale potranno accedere invece tutti coloro con un ISEE fino a 20.007,39 € (il triplo del valore minimo INPS).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Monitoraggio e verifiche

Dopo un periodo di monitoraggio e verifica per stabilire se l’importo Isee adottato risultava adeguato all’obiettivo di agevolare l’utilizzo del trasporto pubblico per le fasce più deboli della cittadinanza, con particolare riguardo alle persone in condizione economica svantaggiata, si è valutato questo sistema come il migliore, perché dà la possibilità di accedere a tutti coloro che ne hanno realmente bisogno. «Abbiamo scelto di passare al criterio dell’Isee dopo un attento monitoraggio e uno studio delle agevolazioni erogate- spiega il vice sindaco Arturo Lorenzoni-  Con il sistema del Cud potevano accedere alle agevolazioni anche persone con redditi in realtà molto alti, quindi perfettamente in grado di permettersi l’abbonamento, e non si riusciva a far rientrare nella categoria tutti coloro che invece hanno reale bisogno. Con questo sistema, che equipara il criterio a quello utilizzato per l’erogazione di tutti i servizi e benefici comunali, abbiamo da un lato la certezza che acceda alle agevolazioni appunto chi ne ha reale bisogno, dall’altro semplifichiamo il lavoro dei nostri uffici e facilitiamo l’accesso a tutti i cittadini. Abbiamo stabilito dei limiti ISEE molto alti e in questo modo diamo possibilità a più persone che realmente non possono permettersi di pagare il trasporto pubblico, senza intaccare minimamente il fondo che mettiamo a disposizione per coprire queste agevolazioni. Crediamo sia importante vigilare e monitorare perché i criteri sui quali ci basiamo siano effettivamente rispondenti delle esigenze delle persone. Abbiamo registrato casi limite negli scorsi anni in cui persone con CUD bassi ma ISEE addirittura a 70.000 euro rientravano nelle categorie delle agevolazioni. E semplicemente, non è giusto. Abbiamo investito anche per il 2020 circa 500.000 € per le gratuità degli abbonamenti perché siamo convinti che il trasporto pubblico debba essere un diritto per tutte e tutti e tutelare chi davvero non se lo può permettere è il nostro principale pensiero».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Padova usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Tragico schianto nella serata di domenica: morta una donna, centauro ferito

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento