Blitz nella casa occupata: uno degli abusivi lancia un coltello per riuscire a scappare

Un uomo in fuga, una donna denunciata e un terzo giovane arrestato per aver aggredito i carabinieri. É il bilancio dello sgombero seguito martedì notte dai militari del Norm di Padova

I carabinieri davanti all'abitazione sgomberata nella notte

L'operazione è scattata nel corso di un controllo organizzato la notte tra martedì e mercoledì nella zona tra la Stanga e la Fiera.

Il controllo

Area conosciuta per diversi fenomeni di degrado e nota per le occupazioni abusive, proprio i movimenti sospetti all'interno di uno stabile di via Sciesa, appartenente a un padovano che risiede in Lombardia, hanno insospettito un vicino. L'uomo, amico del proprietario che resta assente per lunghi periodi, è incaricato di tenere sotto controllo la villetta e notata la presenza di estranei ha allertato i carabinieri.

Il tentativo di aggressione

Poco dopo mezzanotte, varcato il cancello del civico 6, i militari hanno sorpreso all'interno due uomini e una donna, tutti molto giovani. Uno degli uomini è riuscito a scappare facendo perdere le sue tracce, gli altri due sono stati portati all'esterno. Mentre la ragazza veniva identificata nella ventisettenne croata O.L. il giovane, che aveva detto di essere minorenne, ha tentato il tutto per tutto per guadagnare la fuga. Ha lanciato un coltello a serramanico verso i militari che sono però riusciti a bloccarlo e portarlo in caserma.

Le accuse e i precedenti

Per scoprire la sua vera identità sono servite cinque ore di lavoro e il ricorso alla banca dati delle impronte digitali. Il tunisin Mohamed Bkhiri aveva mentito, perché ha più di 18 anni. Insieme alla ragazza è stato denunciato per invasione di edificio, ma deve rispondere anche delle accuse di resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di armi per le quali è stato arrestato. In sede di direttissima ha avuto il divieto di ritorno in Veneto e chiesto i termini a difesa, perciò l'udienza è stata rinviata. Anche la donna nascondeva qualche altarino: solo un paio di settimane fa è stata denunciata sempre per occupazione abusiva dopo essere stata scoperta in una casa popolare abbandonata di via Moroni all'Arcella. Anche in quell'occasione si è introdotta abusivamente nell'immobile ed era in compagnia di un altro giovane tunisino.

Zona difficile

La palazzina a pochi metri dall'abitazione era stata sgomberata la mattina del 12 febbraio perché occupata da cinque giovani tunisini, mentre solo pochi giorni fa, nonostante le robuste grate con sui era stata sigillata, è tornata a essere rifugio per qualche sbandato che ha provocato un principio di incendio.

Potrebbe interessarti

  • Tumori, scoperto il meccanismo per il controllo della proliferazione cellulare

  • Infarto e ictus, team di ricercatori padovani trova la "porta" che diminuisce i danni al cuore

  • Potassio: come assumerlo e perché fa bene a cuore, reni e ritenzione idrica!

  • Sette momenti in cui è fondamentale lavarsi le mani in casa

I più letti della settimana

  • Fermata e soccorsa mentre corre nuda in centro a Padova: «Sono sonnambula»

  • Si schiantano con l'auto contro un platano: passeggera elitrasportata in ospedale, è grave

  • Tenta il suicidio nel Bacchiglione: trascinata a riva da un passante, è gravissima

  • Pauroso schianto tra due auto, feriti i conducenti. Interviene l'elisoccorso, strada chiusa

  • Pedone falciato da un'auto all'altezza del cantiere: due i feriti

  • Litigio tra pazienti allo studio medico: costole rotte e denunce per due pensionati

Torna su
PadovaOggi è in caricamento