Statua della Madonna decapitata da ignoti, il sindaco: «Siete dei perdenti, vi daremo filo da torcere»

L'increscioso fatto è accaduto nella notte tra mercoledì 4 e giovedì 5 settembre a Villaguattera di Rubano: la denuncia social del sindaco Sabrina Doni

La statua della Madonna decapitata (foto Facebook Sabrina Doni)

Un fatto increscioso, che ha sdegnato l'intera comunità: nella notte tra mercoledì 4 e giovedì 5 settembre alcuni vandali - ancora ignoti - hanno decapitato la statua della Madonna contenuta in un capitello a Villaguattera di Rubano.

L'invettiva del sindaco

Un gesto che ha scandalizzato il sindaco Sabrina Doni, che si è affidata al proprio profilo Facebook per lanciare un'invettiva nei confronti degli autori: «Per noia a voi verrebbe in mente di staccare la testa ad una statua della Madonna? Lo fareste perché non sapete come passare il tempo? Mi sono chiesta cosa spinga qualcuno a compiere gesti così spregevoli; che sia opera di ragazzi o di gente adulta, si tratta di un gesto che non denota solo maleducazione o inciviltà. È un'azione che evidenzia come ci siano persone, tra noi, che non conoscono il concetto di 'bene collettivo' e quindi non ne hanno il minimo rispetto. Arrivano a disprezzare le cose di tutti, siano esse una giostrina per bambini, un'insegna, un prato, un edificio pubblico, un simbolo di fede. Sono dei perdenti. Agendo così perderanno sempre nella vita: perderanno le amicizie perché sapranno pensare sempre e solo a sé stessi, perderanno la fiducia degli altri perché saranno sempre pronti a rispondere solo ai loro istinti, perderanno la gioia del futuro perché chi non rispetta non ha neanche speranza di costruire un futuro migliore. Non meritano la nostra attenzione: di loro parliamo oggi, dopo quello che è successo la scorsa notte a Villaguattera, e soffochiamo l'amarezza per un atto che già domani non meriterà più il primo piano nelle nostre conversazioni. Tutti quei cittadini invece che ogni giorno amano Rubano, ne hanno rispetto, lavorano per renderla migliore, ne hanno cura, sudano perché i beni collettivi possano essere goduti al meglio e a lungo da tutti, loro sì meritano le nostre riflessioni, il nostro plauso, il nostro grazie. Loro sì che sono dei vincenti, dei vincenti silenziosi; è di loro che dovremmo parlare, tutti i giorni, dando quindi evidenza a quei comportamenti positivi, utili, rispettosi, esemplari e silenziosi che fanno magnifica la nostra comunità. Cambiamo rotta...anche nello scegliere a chi e a cosa dare veramente voce. Perdenti 0 - Vincenti 1... E per tutto il campionato vi daremo del filo da torcere!».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento