Minaccia di morte un romeno in corso del Popolo: arrestato per tentata estorsione

Tunisino cerca di obbligare un uomo a comprare delle schede sim da utilizzare per spacciare, ma viene colto in flagranza e arrestato. Aveva addosso anche dell'hashish

Martedì 23 gennaio i carabinieri di Cadoneghe hanno tratto in arresto a Padova un uomo di nazionalità tunisina con l'accusa di tentata estorsione ai danni di un romeno.

I FATTI.

L'arresto è avvenuto in corso del Popolo, dopo che i militari, allertati dalla vittima che risiede nel comune di Cadoneghe, hanno colto in flagranza di reato S.A., classe 1985. Il giovane tunisino ha cercato di costringere il romeno, minacciandolo di morte, ad acquistare delle schede sim nel negozio Wind nei pressi della stazione ferroviaria, per poi cederle a terzi o utilizzarle personalmente a fini di spaccio.

L'ARRESTO.

Una volta entrati insieme all'interno dell'esercizio commerciale, i due si sono visti negare la vendita da parte del commerciante. Il tunisino è successivamente stato colto sul fatto e arrestato dai carabinieri, che gli hanno trovato addosso tre grammi di hashish.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cani e proprietari: emergenza Coronavirus, come comportarsi col proprio animale

  • Michele, con la famiglia in isolamento per senso di comunità

  • Live - Coronavirus: morto Adriano Trevisan, altri 9 casi accertati a Vo'. Università chiuse

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: secondo paziente dimesso, 12 casi tra Limena, Curtarolo e San Giorgio in Bosco

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: nuovi casi in provincia, negativo il tampone del presunto "paziente zero". Scuole, università, uffici chiusi

  • Coronavirus, c'è un contagiato a Vigodarzere. É uno degli infettati a Dolo

Torna su
PadovaOggi è in caricamento