Traffico illecito dei rifiuti, in tre a processo. Tra le aree contaminate anche un terreno di Piacenza d'Adige

In due terreni delle province di Rovigo e Padova sarebbero finite 13mila tonnellate di rifiuti inquinanti costituiti da ceneri pesanti e scorie varie, misti a scarti dell'edilizia e delle demolizioni

Campi contaminati

Rifiuti inquinanti costituiti da ceneri pesanti e scorie varie, misti a scarti dell'edilizia e delle demolizioni: è quanto sarebbe stato utilizzato per la costruzione di strade interpoderali dal 2014 al 2016 in circa un centinaio di Comuni tra Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna.

Nel padovano

Tra i luoghi dove si sarebbe verificata questa situazione, figura anche il comune di Piacenza d'Adige. In particolare, in due terreni delle province di Rovigo e Padova sarebbero finite 13mila tonnellate, utilizzate - ritiene la Procura - in un finto lavoro di consolidamento. Queste sostanze sarebbero state sotterrate anche in un cantiere dei comuni di Bertinoro (Forlì) e di Alfonsine (Ravenna).

I fatti

In alcuni cantieri per la realizzazione delle strade di campagna (le strade interpoderali sono strade private che permettono di raggiungere i campi agricoli, ndr) sarebbe stato utilizzato del conglomerato ritenuto illecito dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Venezia.

Udienza preliminare

Il prossimo mese si terrà l'udienza preliminare a carico di tre persone residenti in provincia di Verona, accusati di reati ambientali in materia di gestione e traffico illecito dei rifiuti. In totale gli inquirenti hanno identificato almeno 71 cantieri in cui sono finite circa 300mila tonnellate di questo conglomerato, utilizzato per la realizzazione del sottofondo stradale, partite da un'azienda veneta del settore. La Procura Antimafia veneziana ritiene che all'interno di questo materiale si siano superate le concentrazioni limite per cloruro, rame, piombo, nichel, cromo esavalente. Sempre secondo le accuse questo prodotto avrebbe avuto sul mercato una grande fortuna, dal momento che veniva venduto a 17 euro al metrocubo contro i 247 euro dei conglomerati ecologici. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento