Addio ai tre pini, storico simbolo dello sport a Padova: abbattute le piante

La prima venne sradicata dal vento nel 2008. Ora è toccato alle altre due. La decisione, sofferta, è dovuta al pericolo rappresentato dalle "carie" che infestano gli alberi

La tribuna dello stadio con a fianco i tre pini (Wikipedia)

Sono stati il simbolo dello sport a Padova. Quei "tre pini" individuavano gli impianti sportivi legati al complesso dell'Antonianum, di proprietà dei gesuiti. All'ombra delle maestose piante, si giocarono il rugby, la pallavolo, la scherma, la pallacanestro, il calcio: tutte le varie discipline connesse alla polisportiva Petrarca. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ADDIO, AI TRE PINI. La prima "mutilazione" avvenne nel 2008, quando il vento sradicò uno dei tre alberi. Ora, è toccato agli altri due, abbattuti perché malati. La decisione, sofferta, deriva da una perizia che ha mostrato un peggioramento delle "carie" da cui sono affetti i pini e che potrebbero causarne il crollo improvviso. Un rischio che non è possibile correre, dato che l'area del Centro Antonianum è destinata ad attività giovanili. Nuovi alberi saranno piantumati il prossimo autunno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Live - Aumenta l'indice di contagiosità, botta e risposta Zaia-Crisanti

  • Live - Coronavirus, un nuovo decesso all'ospedale di Padova

Torna su
PadovaOggi è in caricamento