giovedì, 18 settembre 14℃

Suicidio sulla linea Bologna-Padova: forti ritardi dei treni

L'investimento mortale intorno alle 16 all'altezza di castel Maggiore in Emilia. Vittima un 21enne filippino. La circolazione è rimasta bloccata per un'ora in entrambe le direzioni e fino alle 18.20 verso sud

Redazione 19 giugno 2013

Pomeriggio di "fuoco" per i pendolari della linea ferroviaria Bologna-Padova, non solo per il caldo torrido di queste ore.

Annuncio promozionale

FORTI RITARDI. Un investimento mortale alle ore 16 da parte del Frecciargento 9435 Venezia-Roma, alle porte del capoluogo emiliano, all'altezza di Castel Maggiore, ha causato forti rallentamenti e ritardi. Per quasi un'ora il traffico è rimasto bloccato in entrambe le direzioni per permettere i rilievi delle forze dell'ordine. Dagli accertamenti e dalle testimonianze raccolte dalla Polfer è emerso che si è trattato di un suicidio. Il morto è stato identificato come un filippino di 21 anni, regolare. Dalle 16.55 è ricominciata la circolazione verso nord e dalle 18.22 anche verso sud. Cinque i convogli diretti o provenienti da Venezia deviati dalla stazione di Bologna sulla linea di cintura per cercare di limitare i disagi. 

ritardi
trasporti
treni

Commenti