Treni, tra le tratte meno sicure c'è la Rovigo-Padova: rischio taglio

Durante un tavolo ad hoc, Fs e sindacati hanno individuato quindici convogli problematici. Uno è il Bologna Centrale (21.20) - Venezia (23.18), che nel Padovano ferma a Monselice, Terme Euganee e Padova

Continua a farsi sentire l'eco dell'aggressione con coltello patita da un controllore su un treno a Milano. Una vicenda che all'improvviso ha scoperchiato un calderone in cui da più parti si denunciano problemi di sicurezza a bordo dei convogli ferroviari. Per questo motivo martedì è scattato, indetto dai sindacati Orsa, Cat, Cub e Usb, uno sciopero di sei ore (dalle 9 alle 17) del personale ferroviario di macchina e di bordo, e sempre per lo stesso motivo lunedì è stato convocato un incontro tra il gruppo Ferrovie dello Stato e i rappresentanti dei lavoratori (al tavolo nazionale si sono sedute Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporti-Attività Ferroviarie e Fast Ferrovie). 

TRATTA ROVIGO-PADOVA "PROBLEMATICA". Nel corso della riunione sono stati individuati 15 treni "problematici" che attraversano varie regioni. Come emerge dalla tabella allegata al verbale d'incontro, i 15 treni a rischio (che potrebbero essere cancellati dal 26 giugno prossimo) viaggiano in Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Liguria, Toscana, Lazio e Campania. In Veneto è stata individuata come tratta critica anche la Rovigo-Venezia sulla Bologna Centrale (21.20) - Venezia (23.18), con fermate anche a Monselice, Terme Euganee e Padova.

RISCHIO TAGLI. In questi 15 treni il fenomeno delle aggressioni è più ricorrente e si è convenuto che sarebbe necessaria una maggiore presenza delle forze dell'ordine a bordo. D'ora in poi, se non ci sarà, il treno semplicemente non partirà dalla stazione. Per quanto riguarda i treni regionali, dovrebbe essere attivato un tavolo sulla sicurezza nelle prefetture dei capoluoghi di Regione.  È stato condiviso il rafforzamento delle attività già in atto in Trenitalia per la formazione del personale sui comportamenti antiaggressione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ZAIA. "Condivido le preoccupazioni e le richieste di più sicurezza immediata avanzate dai sindacati dei ferrovieri e aggiungo che misure adeguate vanno prese non solo sui treni considerati più a rischio, ma su tutto il sistema ferroviario - ha commentato il presidente della regione del Veneto Luca Zaia - si rafforzi quanto serve la polfer e, se la polfer non ce la fa, salgano sui treni i soldati. Le ferrovie sono come le strade: occorre garantire sicurezza e per farlo non deve esserci alcuna remora o impedimento a usare l’esercito".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Padova usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Impatto violento tra la sua bici e un'auto: bambino di 9 anni elitrasportato d'urgenza in ospedale

Torna su
PadovaOggi è in caricamento