Offre pubblicità spacciandosi per l'assessora: la donna lo smaschera grazie a un collega

I carabinieri stanno di rintracciare il responsabile di una tentata truffa. Ha finto di essere la presidente della fiera di Arsego (nonché assessore), provando a raggirare un suo conoscente

I volantini della fiera di Arsego, utilizzati dal truffatore per promuovere il raggiro (©Facebook)

Ha dell'incredibile la tentata truffa consumata nell'Alta Padovana. Protagonisti sono un truffatore (o più di uno), un'assessora del comune di San Giorgio delle Pertiche nonché presidente della fiera di Arsego, e un assessore di Campodarsego.

La scoperta

L'inganno è venuto allo scoperto la settimana scorsa quando i due assessori, che si conoscono da tempo, si sono incontrati. L'uomo, che di mestiere dirige un'azienda, ha raccontato alla collega di essere entusiasta dell'accordo che avevano raggiunto pochi giorni prima. Aveva infatti ricevuto una mail con il nome della donna, che gli proponeva di comprare degli spazi pubblicitari per promuovere la sua ditta facendola comparire sul libretto con il programma della notissima fiera di Arsego. Lui si era fidato, sapendo che la collega ne è presidente, e aveva preso accordi per finalizzare l'affare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini e i sospetti

Un vero e proprio fulmine a ciel sereno per la conoscente, che gli ha spiegato di non sapere nulla della faccenda. La mail infatti si è rivelata un falso e nessun contatto era stato preso dagli organizzatori dell'evento con l'uomo. É stata quindi lei stessa a raccontare tutto ai carabinieri di Camposampiero facendo partire l'indagine che è tutt'ora in corso. Gli inquirenti stanno tentando di rintracciare l'aspirante truffatore, anche se non è escluso che ad agire possano essere state più persone. Come pure non è escluso che il raggiro sia stato messo in atto anche nei confronti di altre persone, che potrebbero essersi lasciate convincere a pagare per pubblicità che non vedranno mai durante la centenaria kermesse. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto nella serata di domenica: morta una donna, centauro ferito

  • Coronavirus, Zaia: «Ecco la nuova ordinanza con le riaperture del 25 maggio e del primo giugno»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Gli cade addosso la fresatrice mentre la carica con un muletto: muore imprenditore

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi che tornano a salire

Torna su
PadovaOggi è in caricamento