Titolare Western Union irreperibile Locale svuotato e clienti truffati

Lunedì, un dipendente dell'internet point di corso del Popolo a Padova, arrivato a lavoro, ha notato il negozio chiuso. Il gestore aveva portato via tutto. Fuori, la coda di persone che reclamava i propri soldi

Il Western Union di corso del Popolo

Ha fatto fagotto e se n'è andato, il titolare dell'internet point "Western Union", con sede in corso del Popolo a Padova. Negozio chiuso, saracinesca abbassata, locale svuotato e gestore irreperibile. Fuori, una coda di clienti inferociti che reclamavano i soldi che avevano versato.

LOCALE SVUOTATO, TITOLARE IRREPERIBILE. È accaduto lunedì. Un dipendente del negozio si era recato sul posto di lavoro, trovandolo inspiegabilmente serrato. Con l'aiuto di un fabbro, suo conoscente, è riuscito a sollevare la saracinesca e ad entrare nel locale. Dentro era sparito tutto: computer, telefoni, mobili, timbri. L'uomo ha cercato di contattare al telefono il titolare, un pakistano di 35 anni: nessuna risposta.

SPARITO CON I SOLDI DEI CLIENTI. A quel punto, il dipendente ha capito che il gestore si era dileguato portando via ogni cosa, compresi, verosimilmente, i soldi che i clienti del "Western Union" gli avevano affidato perché venissero versati. Nel frattempo, all'esterno del locale, si era formata una colonna di persone, tutti cinesi che pretendevano venisse loro restituito il denaro sborsato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SCAPPATO CON 200MILA EURO. Erano circa le 15.50 quando l'impiegato, un 21enne, pure lui cinese, residente a Padova, ha contattato i carabinieri, che hanno inviato sul posto un'autoradio. Secondo i controlli effettuati dal dipendente, ben 200mila euro, affidati dai clienti alla Western Union di Padova, non risulterebbero versati.  La grossa somma farebbe riferimento a denaro depositato nelle mani del titolare 35enne a partire dal 9 gennaio.

TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA. Sono in corso le indagini da parte dei militari. Le accuse, nei confronti del pachistano al momento dissolto nel nulla, sono di truffa e appropriazione indebita. Tutto farebbe pensare che l'uomo sia scappato con i soldi. Benché la cifra sia decisamente cospicua, al momento, alla stazione dei carabinieri sarebbe pervenuta una sola denuncia da parte di un unico cliente, di origini cinesi.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto nella serata di domenica: morta una donna, centauro ferito

  • Coronavirus, Zaia: «Ecco la nuova ordinanza con le riaperture del 25 maggio e del primo giugno»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Gli cade addosso la fresatrice mentre la carica con un muletto: muore imprenditore

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi che tornano a salire

Torna su
PadovaOggi è in caricamento