Atto vandalico incendiario alla sede del centro sociale: spunta l'ombra della politica

Lo spazio sociale Catai in zona Savonarola è stato preso di mira da ignoti che hanno bruciato alcuni cartelloni. Si propende per una bravata, ma non è escluso il movente politico

La porta della sede del Catai con quel che resta dei volantini bruciati

Si limitano a un paio di locandine incenerite i danni riportati dalla sede del collettivo, che non ha sporto denuncia. Non ci sarebbero indizi per far propendere per un'azione mirata a sfondo politico.

Vandalismo

La scoperta risale alla mattinata di mercoledì, quando alcuni dei soci sono andati ad aprire i locali di ponte San Leonardo che ospitano lo spazio sociale Catai. Dei volantini che avevano affisso sulla porta nei giorni precedenti non restava nulla, sullo zerbino a terra solo un po' di cenere. Sotto al porticato di ingresso non ci sono altri danni: la porta in legno non è stata lambita dal fuoco appiccato da ignoti durante la notte tra martedì e mercoledì.

Tanti dubbi

Danni limitati dunque, ma il sospetto che possa non essere solo una bravata, per quanto grave, rimane. Catai è uno spazio sociale nato pochi anni fa, da sempre vicino ai collettivi di sinistra. I membri si dedicano per lo più ad attività culturali e sociali organizzando incontri letterari, dibattiti, corsi di lingua. Parlare intimidazioni è eccessivo, perché di fatto la vicenda non è stata segnalata alle forze dell'ordine e non vi sono indagini in corso. Il gruppo si è limitato a pubblicare su Facebook le immagini delle locandine incenerite prima di pulire, commentandolo con ironia. «Le nostre idee e le nostre iniziative non andranno in fumo» dichiarano sarcasticamente, definendo un «simpaticone» il responsabile del gesto. Nessuna accusa, fanno sapere, anche se è difficile cancellare il dubbio che qualcuno volesse prendere di mira il Catai per il suo schieramento politico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gravissimo incidente, esce di strada e si schianta nel fosso: muore un 56enne

  • «Bisogna mozzargli mani e piedi»: minacce via Facebook al sindaco di Cadoneghe

  • Schianto in moto: ricoverato in gravi condizioni Fausto Dorio, sindaco di Villafranca

  • Scoperti due boss dello spaccio nella Bassa: i clienti per proteggerli finiscono denunciati

  • Donna falciata in strada davanti al Cnr: centrata da un’auto è gravissima

  • Rapina al bar: titolare legato e minacciato dai banditi armati dopo la chiusura

Torna su
PadovaOggi è in caricamento