Violazione decreto anti Covid: chiude l'Hotel Sollievo di Montegrotto

Hotel Sollievo a Montegrotto Terme: il Prefetto ordina la chiusura per le violazioni del decreto anti Covid

La polizia locale di Montegrotto Terme ha notificato questa mattina al legale rappresentante dell’hotel Sollievo Matteo Moretti un ordine di chiusura per la durata di cinque giorni come sanzione per le accertate violazioni delle prescrizioni contenute nei decreti anti - Covid.

Decreti

Nonostante i decreti abbiano disposto la chiusura delle piscine e di tutte le attività di Spa, consentendo solo l’apertura delle strutture a persone che possano dimostrare di dovervi soggiornare per motivi di necessità e l’erogazione di servizi sanitari contenuti nei livelli essenziali di assistenza (Lea) con ricetta medica, nei due controlli effettuati lo scorso fine settimana dalla polizia locale sono stati trovati due minorenni nella piscina scoperta e due persone nella sauna sabato pomeriggio e sette persone in piscina domenica mattina.

Verbali

I verbali di ispezione della polizia locale sono stati trasmessi al Prefetto che ieri ha firmato l’ordinanza di chiusura notificata questa mattina. «Come ovvio, chi non rispetta le regole - commenta il sindaco Riccardo Mortandello - viene  sanzionato e punito. Questo vale in generale e in questo momento di emergenza più che mai. Non ci sarà alcuno sconto per i furbi nel nostro territorio, questo vale sempre e ancora di più in un momento di emergenza».

Ospiti

Per consentire agli eventuali ospiti della struttura di individuare soluzioni di alloggio alternative, il provvedimento avrà efficacia a partire da lunedì prossimo, 23 marzo. «La tesi sostenuta nei giorni scorsi sulla stampa dall’amministratore unico della Solgest, società che gestisce l’Hotel Sollievo, Matteo Moretti, secondo cui i bagni in piscina termale costituiscono un attività sanitaria consentita dei decreti è falsa. Il Prefetto non gli ha dato nessun via libera anzi, con provvedimento firmato giovedì e notificato venerdì, ha disposto la chiusura totale non solo dell’attività termale ma anche di quella ricettiva», spiega il comandante della Polizia locale di Montegrotto Terme, Maurizio Cavatton.

Chiusura

La chiusura dell’attività, che ha natura sanzionatoria, avrà decorrenza da lunedì 23 marzo, per dare tempo agli ospiti di organizzarsi diversamente, è avrà la durata di cinque giorni. «Da subito - precisa Cavatton - dovrà comunque, essere sospesa l’attività termale, del centro benessere  e delle piscine, non perché lo dispone il Prefetto ma perché era così da prima ed è così anche adesso per espressa previsione del DPCM 8 marzo 2020».

Grand Hotel

«Non è neppure vero - prosegue il comandante - che sia l’unica attività alberghiera rimasta aperta nel bacino termale perché a Montegrotto sono aperti anche il Grand Hotel ed il Millepini e anche ad Abano ci sono alcune strutture aperte. La differenza sta nel fatto che queste strutture, correttamente, mantengono attiva solo l’attività ricettiva. Il nostro territorio vive di turismo e ci sono albergatori storici che esercitano da generazioni perciò appare quantomeno strano che l’unico che pretende di andare contro corrente sia, senza offesa, l’ultimo arrivato».

Prefetto

L’ordinanza del Prefetto avverte anche che l’inosservanza del provvedimento comporterà il deferimento all’autorità giudiziaria. «Questo significa - avverte Maurizio Cavatton - che  se l’Hotel Sollievo non dovesse sospendere l’attività per il periodo disposto dal Prefetto e, alla riapertura, non dovesse mantenere chiuse le attività non strettamente ricettive incorrerà nella revoca della licenza per abuso da parte del titolare. Penalmente potrebbe essere perseguito ai sensi dell’Art. 452 del Codice Penale ,che prevede che chiunque commetta, per colpa, uno dei fatti previsti dall’articolo 438 rubricato come epidemia, o chiunque cagioni un’epidemia con la diffusione di germi patogeni, sarà punito con la reclusione da uno a cinque anni». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Controlli

I controlli della Polizia Locale proseguiranno nel territorio sampietrino quotidianamente e quello che ha dichiarato alla stampa il Sig. Moretti non sarà considerato motivo di giustificazione per gli spostamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Si tornerà alla normalità, ma gradualmente. Non abbassiamo la guardia»

  • Tutto quello che c'è da sapere sul coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Pm10 alle stelle negli ultimi tre giorni a Padova e provincia: ecco le motivazioni

  • I familiari non riescono a contattarla: 55enne rinvenuta cadavere in casa

  • Rientra e trova la compagna esanime: stroncata in casa da un malore fatale

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: altri anziani morti, a Padova 2,3 positivi ogni mille abitanti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento