Picchiata dal marito ubriaco, si rifugia dalla vicina: denunciato nepalese 43enne

L'uomo ha percosso la coniuge con delle scarpe, provocando lesioni a fronte, collo, braccia e schiena

Una notizia del genere fa sempre male. Ma oggi, 8 marzo, ancor di più. Pur lasciando un messaggio importante: bisogna avere il coraggio di reagire. E così, in questo caso, è stato: un nepalese è stato denunciato per maltrattamenti ai danni della moglie.

I fatti

È successo nella notte tra mercoledì e giovedì in zona Arcella: nei guai un 43enne originario del Nepal, il quale ha picchiato la coniuge, connazionale. Ad allertare la polizia a mezzanotte e mezza circa è stata una vicina di casa, da cui la donna nepalese si era rifugiata. Stando alla ricostruzione dei fatti l'uomo aveva trascorso la serata alla sala bingo di via Tiziano Aspetti giocando alle slot machines e alzando decisamente il gomito. Una volta rientrato a casa ha iniziato ad alterarsi per futili motivi e ha picchiato la moglie con alcune scarpe davanti al figlioletto piccolo di 3 anni. All'arrivo delle forze dell'ordine la donna ha confermato tutto mentre il marito ha minimizzato salvo poi minacciare la coniuge anche quando saliva in ambulanza. La nepalese è stata medicata in ospedale con una prognosi di 15 giorni per lesioni al braccio, alla fronte, al collo e alla schiena. Il marito è stato solo denunciato e non arrestato perché è al primo reato e non ha precedenti penali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalle acque gelide affiora un corpo di uomo: i passanti notano la salma lungo la riva

  • Rotogal brucia: inferno di fuoco all'alba. Il sindaco: «State in casa», Arpav monitora l'aria

  • Live maltempo: a Padova e provincia black out e rami caduti, Venezia in ginocchio

  • Centrato in pieno da un'auto mentre attraversa a piedi l'autostrada: morte sulla A4

  • Cadavere nel parcheggio: fu arrestato per le spaccate, stroncato dalla droga

  • Tir sbaglia la curva e si inclina pericolosamente sopra il Muson (Video)

Torna su
PadovaOggi è in caricamento