Violenza sessuale su sei pazienti dopo averle narcotizzate: chiesta condanna a 14 anni

L'imputato è un ex infermiere del reparto di neurochirurgia dell’ospedale di Padova

Quattordici anni, due mesi e 20 giorni di carcere. Questa è la pena richiesta dal pubblico ministero Giorgio Falcone per C.E.C., ex infermiere del reparto di neurochirurgia dell’ospedale di Padova imputato per violenza sessuale aggravata: avrebbe narcotizzato e violentato almeno sei pazienti.

LUCIDO E FREDDO

All’imputato è stato attribuito anche il reato di peculato per aver rubato i farmaci anestetici somministrati illegalmente alle pazienti prima delle violenze e di cui anche lo stesso infermiere avrebbe fatto uso. Le richieste del pm sono state fatte al termine di una requisitoria in cui è stato ribadito che l’infermiere, quando ha commesso i reati, era lucido e freddo. Non dovrebbe quindi essergli attribuita l’infermità mentale, così come invece era stato richiesto dal suo avvocato difensore. La sentenza è attesa per il 22 marzo prossimo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il trattore trancia un tubo di gasolio: la perdita fa scoprire l'allacciamento abusivo

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Tragedia al Portello: dalle acque del Piovego affiora un cadavere

Torna su
PadovaOggi è in caricamento