Violenza sessuale su sei pazienti dopo averle narcotizzate: chiesta condanna a 14 anni

L'imputato è un ex infermiere del reparto di neurochirurgia dell’ospedale di Padova

Quattordici anni, due mesi e 20 giorni di carcere. Questa è la pena richiesta dal pubblico ministero Giorgio Falcone per C.E.C., ex infermiere del reparto di neurochirurgia dell’ospedale di Padova imputato per violenza sessuale aggravata: avrebbe narcotizzato e violentato almeno sei pazienti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LUCIDO E FREDDO

All’imputato è stato attribuito anche il reato di peculato per aver rubato i farmaci anestetici somministrati illegalmente alle pazienti prima delle violenze e di cui anche lo stesso infermiere avrebbe fatto uso. Le richieste del pm sono state fatte al termine di una requisitoria in cui è stato ribadito che l’infermiere, quando ha commesso i reati, era lucido e freddo. Non dovrebbe quindi essergli attribuita l’infermità mentale, così come invece era stato richiesto dal suo avvocato difensore. La sentenza è attesa per il 22 marzo prossimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento