Bitonci alla Fornero: "Salviamo i 200 dipendenti della Helios"

Il segretario della sezione padovana della Lega Nord ha presentato un’interrogazione parlamentare alla Camera

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

“I ministri Fornero e Grilli spieghino quali iniziative intendono adottare per evitare che la crisi della Helios Technology si riversi sui 200 dipendenti dell'azienda e quali proposte, all’interno delle rispettive competenze, adotteranno per sostenere le aziende impegnate nel settore delle energie rinnovabili”.

Così Massimo Bitonci, segretario della sezione padovana della Lega Nord, in un’interrogazione parlamentare presentata alla Camera: “Secondo gli organi di stampa locali, la Helios Technology, una delle più importanti realtà a livello nazionale nella produzione di celle e moduli fotovoltaici, presente sul mercato mondiale da alcuni decenni, sarebbe in grave crisi – spiega Bitonci – I 200 lavoratori dell’azienda, che tra la fine del 2010 e i primi mesi del 2011 ha adottato, per alcuni di essi, lo stato di cassa integrazione, temono il peggio; alcuni reparti della Helios sarebbero addirittura fermi”.

Non è solo l’azienda padovana a preoccupare Bitonci: “Da qualche settimana sono in vigore le regole del V° conto energia, che prevede una drastica riduzione degli incentivi al settore del fotovoltaico. Conto che determinerà, oltre ad una maggiore difficoltà da parte delle aziende, una danno ai cittadini – conclude il deputato leghista – Invece di utilizzare risorse rinnovabili per l’approvvigionamento domestico e industriale, continueranno ad avvalersi delle consuete fonti energetiche, meno sostenibili e più costose”.

Torna su
PadovaOggi è in caricamento