Coldiretti Padova, avvicendamento al vertice: Giovanni Roncalli è il nuovo direttore

Passaggio di consegne: Giovanni Pasquali passa al timone della federazione di Venezia, nella città del Santo arriva il 51enne bergamasco, residente in provincia di Como dove ha iniziato la sua carriera professionale nel 1988

In foto: da sinistra, il direttore uscente Giovanni Pasquali, il presidente di Coldiretti Padova Federico Miotto e il neo direttore Giovanni Roncalli

Passaggio delle consegne alla direzione di Coldiretti Padova: Giovanni Roncalli, già alla guida di Coldiretti Mantova, raccoglie il testimone da Giovanni Pasquali che passa al timone della federazione di Venezia. Il Consiglio provinciale di Coldiretti Padova ha sancito l’avvicendamento alla presenza del presidente di Coldiretti Veneto Martino Cerantola, del direttore Pietro Piccioni e di Antonio Biso dell’area organizzazione e servizi della Federazione Nazionale Coldiretti. 

CHI È. Giovanni Roncalli, 51 anni, famiglia di origini bergamasche, sposato con tre figli, risiede in provincia di Como dove ha iniziato la carriera professionale Coldiretti nel 1988 con il ruolo di segretario della zona di Merate e successivamente vice direttore nel 1995 con la responsabilità della provincia di Lecco. Ha intrapreso il percorso di direttore nell’anno 2006 alla Federazione Provinciale di Piacenza, a cui è seguita la Federazione di Pavia nel 2010, di Mantova nel 2015 ed ora di Padova.

IMPEGNI. "Ringrazio il presidente di Coldiretti Padova per l’accoglienza - afferma - e il collega Giovanni Pasquali per l’importante lavoro sin qui svolto. Continueremo a seguire questo percorso a favore dell’intero settore primario di questa provincia così vivace e ricca di tipicità, opportunità e iniziative imprenditoriali. Tra i primi impegni ci sarà quello di conoscere più a fondo le caratteristiche della Provincia di Padova, in tutte le sue articolazioni produttive, incontrando il personale dei vari uffici periferici e la dirigenza territoriale. L’obiettivo sarà quello di declinare a livello locale gli standard che “La Nuova Coldiretti” richiede per poter essere al fianco di moderne imprese agricole che giocano la propria competitività sugli elementi di distintività e legame con il territorio. L’agricoltura ha molto da dare al nostro sistema Paese e all’economia sia locale che nazionale. Le nostre imprese hanno saputo affrontare le incertezze del mercato e imboccare la strada dell’innovazione, dell’origine, della trasparenza. Intendiamo proseguire di slancio il cammino già avviato, con l’aiuto e la collaborazione di tutti".

PASQUALI. Il direttore uscente Giovanni Pasquali, passando il testimone, rivolge un saluto e un pensiero di gratitudine a tutti i soci e dirigenti di Coldiretti Padova: «Li ringrazio per la collaborazione concessami in questi due anni di direzione di Padova. Abbiamo impostato insieme un fondamentale lavoro di ristrutturazione ormai in fase di completamento. Desidero ringraziare tutti i miei collaboratori, dai capi Zona ai capi area e servizio a tutti i dipendenti impegnati ogni giorno nella nostra Federazione provinciale, per il lavoro svolto con dedizione e professionalità al servizio dei nostri associati. L’agricoltura evolve, le imprese si trasformano e la più rappresentativa organizzazione agricola deve accompagnare i nostri imprenditori in questo percorso». Insieme al presidente e al direttore di Coldiretti Veneto e al responsabile della Confederazione Nazionale il Consiglio Provinciale ha condiviso i prossimi obbiettivi per confermare il ruolo da protagonisti degli imprenditori agricoli nel “made in Italy” agroalimentare di qualità, per garantire alle imprese del settore primario il giusto reddito riconoscendo anche la funzione attiva di presidio ambientale e sociale svolto dall’agricoltura sul territorio. 

MIOTTO. "Salutiamo con gratitudine l’amico Giovanni Pasquali - conclude il presidente di Coldiretti Padova Federico Miotto - per la competenza e la dedizione con la quale ha lavorato al nostro fianco in questo biennio. Rivolgiamo un saluto di benvenuto a Roncalli e ci mettiamo subito a disposizione per affrontare insieme le sfide che ci attendono».

Potrebbe interessarti

  • La Notte dei Colori, feste in piazza e sui colli, lirica e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • 10mila veneti colpiti da Linfedema. Sinigaglia: «Pazienti costretti ad andare all'estero per farsi curare»

  • «Ecco perché perdiamo forza durante l’invecchiamento»: la ricerca congiunta Vimm-Università

  • Anoressia: «Le cause della malattia una combinazione di fattori di rischio sia psichiatrici che metabolici»

I più letti della settimana

  • Violento acquazzone nel Padovano: forte vento e grandine, alberi sradicati e strade allagate

  • Domenica di sangue: schianto tra due auto sull'argine a Codevigo, morto un 43enne

  • Tragico frontale sulla regionale 308: muore un parroco di 82 anni

  • Tragico schianto in moto alle Canarie: muore Andrea "Pizzi" Mazzin, 35enne padovano

  • Devastante rogo in un'azienda: collassati due capannoni, morti 100mila tra polli e galline

  • La clinica neurologica diventa internazionale per ospitare la scuola di Parkinson

Torna su
PadovaOggi è in caricamento