Per unire un’area di 80 km quadrati: nasce il Coordinamento delle Categorie economiche Padova Sud Pratiarcati

Fondato da otto associazioni di categoria, comprende i comuni di Albignasego, Casalserugo, Due Carrare e Maserà e interessa quasi 50mila abitanti e oltre 5mila imprese

Quasi 50mila abitanti. Oltre 5mila imprese (2200 artigiane, 1336 nel commercio e servizi, 500 agricole, 261 industrie, 700 imprese assicurative, creditizie ed enti vari). E un nuovo organo di indirizzo delle politiche comuni adottate da tutte le associazioni di categoria presenti nella zona: Confartigianato, Ascom, Cia, Cna, Confesercenti, Coldiretti, Confagricoltura e Confindustria hanno deciso di fondare il Coordinamento delle Categorie economiche Padova Sud Pratiarcati, che interessa un’area che si estende per 80 chilometri quadrati e che comprende i comuni di Albignasego, Casalserugo, Due Carrare e Maserà.

Area a grande intensità produttiva

Si tratta di un’area a grande intensità produttiva, che merita una piena sintonia tra le associazioni di rappresentanza presenti nel territorio. A spiegarlo a dovere è Davide Lunardi, presidente del mandamento di Albignasego di Confartigianato e portavoce di turno del Coordinamento: “Al di là degli interessi peculiari di ogni categoria, esistono dei temi comuni e trasversali che ci riguardano tutti, come imprenditori e come cittadini. Penso alla sicurezza, ad esempio, ma non solo. Penso a politiche di rigenerazione urbana che sappiano ridisegnare i luoghi in cui viviamo e lavoriamo, con un occhio attento al rispetto dell’ambiente e al risparmio energetico. Tra le questioni trasversali che abbiamo individuato come prioritarie c’è, naturalmente, la fiscalità e in particolare la fiscalità delle imprese. Vogliamo che le amministrazioni si impegnino a non aumentare la pressione fiscale, per liberare risorse necessarie alla crescita delle aziende e quindi dell’intero territorio”.

"Sinergia tra impresa e scuola"

Ma un territorio cresce anche attraverso una produttiva relazione tra impresa e scuola: “Per questo - precisa Lunardi - vogliamo rafforzare una sinergia con gli istituti che operano nella zona che favorisca un orientamento al lavoro che possa risultare efficace per gli studenti, per le famiglie e per le imprese. Vorrei sottolineare, inoltre, la necessità di un percorso serio di digitalizzazione delle nostre imprese che ha bisogno di opere infrastrutturali come la banda larga e ultralarga. Non possiamo pensare di essere un’area competitiva senza un processo di crescita costante di cui devono essere protagoniste le nostre aziende, ma anche le amministrazioni locali, attraverso una programmazione responsabile, puntuale ed efficiente”. Con la firma del documento programmatico, le associazioni di categoria si assumono l’impegno di sostenere politiche di sviluppo del territorio comuni, attraverso un dialogo costante con le amministrazioni locali, i cittadini e tutti i soggetti che operano nell’area.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento