Coronavirus, allarme agricoltura a Vo'. Coldiretti: «Servono misure urgenti»

Coldiretti Padova invoca immediati aiuti per il settore in affanno a causa della quarantena. Bloccate oltre 200 imprese agricole, una ventina di agriturismi, decine di cantine

(foto: archivo)

Sedici milioni di euro. É il volume d'affari del settore agricolo a Vo', oggi agonizzante a causa delle misure drastiche legate alla quarantena per l'isolamento di un focolaio di Coronavirus. A mettere il luce il problema è Coldiretti Padova che chiede aiuti mirati e un programma che consenta la ripresa.
(Elaborazione Istat – Censimento Agricoltura)

Blocco anche per le merci

Piccolo comune con poco più di tremila anime, Vo' è però anche uno dei centri agricoli più importanti della provincia. Lì si è registrato il primo decesso per Coronavirus e diversi casi di contagio che hanno portato all'isolamento forzato dell'intero perimetro comunale. Oltre persone, nemmeno le merci possono entrare o uscire a eccezione delle derrate deperibili. Di conseguenza il settore primario è paralizzato, a partire dalle attività agrituristiche e dalle cantine, le due principali voci dell’agricoltura di Vo' che contano decine di aziende e centinaia di addetti.

I numeri

Chiusi dallo scorso fine settimana tutti gli agriturismi, oltre venti sul territorio comunale per la più alta concentrazione della provincia, con disdette che si spingono anche per le prossime settimane. Bloccata l’attività di vendita delle cantine, che non possono evadere gli ordini perché la merce non può uscire dall'area. Impossibile anche la partecipazione degli imprenditori ai numerosi mercati di vendita diretta organizzati da Coldiretti e altri soggetti in tutta la provincia.

Servono misure urgenti

«Gli agricoltori continuano a fare il loro lavoro, nei vigneti come in azienda, ma in questo frangente non possono né esercitare tutte le attività connesse - spiega Massimo Bressan, presidente di Coldiretti - dall’accoglienza alla ristorazione, dalla spedizione dei prodotti alla partecipazione ai mercati. Ogni giorno in quarantena si traduce in una considerevole perdita di reddito per le imprese agricole. Siamo in piena emergenza e a questo punto, come annunciato dallo stesso presidente del Consiglio nei giorni scorsi, è necessario pianificare da subito misure urgenti di sostegno per il settore primario che a Vo' sta subendo un duro contraccolpo economico».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'appello

«Ci auguriamo che l’emergenza sanitaria passi al più presto - aggiunge Bressan - nel frattempo però non possiamo lasciare soli centinaia di imprenditori agricoli alle prese con una reale contrazione del loro fatturato che si protrarrà ben oltre la fine della quarantena, con conseguenze ad oggi non prevedibili. Per questo Coldiretti Padova rivolge da subito un appello alle istituzioni: Regione, Camera di commercio e Provincia in primis, per mettere a punto un piano di aiuti e di intervento che consenta da una parte il sostegno immediato alle imprese, attraverso sgravi fiscali e contributivi, rinvio di pagamenti, insieme ad una pronta ripresa di tutte le attività agricole che insistono sul territorio e che rappresentano una voce importante dell’economia per l’intera area euganea».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I familiari non riescono a contattarla: 55enne rinvenuta cadavere in casa

  • Boschi in fiamme sui Colli: nuovi focolai sul monte Solone, tornano in volo gli elicotteri

  • Grigliata, musica e festa nonostante i divieti: intervengono le forze dell'ordine in via Trieste

  • 60enne padovano attraversa l'Italia in camion nonostante la positività al Coronavirus

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: calano i ricoveri e aumentano i guariti

  • Coronavirus, Zaia: «Firmata una nuova ordinanza regionale con ulteriori restrizioni»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento