La Cina è vicina: visita della delegazione del porto di Guangzhou a Interporto Padova

Servita per conoscere di persona l’organizzazione ed i servizi offerti dalla piattaforma logistica padovana e illustrare ad un gruppo di importanti operatori logistici italiani le opportunità e le relazioni messe a disposizione dal grande porto cinese

L'Interporto di Padova

Interporto Padova ha ospitato giovedì 19 settembre, un’importante delegazione di manager del porto cinese di Guangzhou, che ha il duplice obiettivo di conoscere di persona l’organizzazione ed i servizi offerti dalla piattaforma logistica padovana e di illustrare ad un gruppo di importanti operatori logistici italiani le opportunità e le relazioni messe a disposizione dal grande porto cinese.

La delegazione

La delegazione è composta da tre importanti manager: Sun Bangcheng, director business and operation department, Zhu Jiaming, deputy director container operation center, business and operation department e Johannes Nanninga Ceo di Guangzhou Port Europe, la società che cura gli interessi commerciali del porto cinese in Europa. Ad accoglierli, oltre al presidente di Interporto Padova Sergio Gelain e al direttore generale Roberto Tosetto, anche il sindaco di Padova Sergio Giordani, a conferma dell’importanza che riveste l’incontro. La visita del management del porto di Guangzhou si inserisce in una visione innovativa del rapporto fra la portualità italiana e gli interlocutori internazionali interessati a sviluppare flussi di traffico marittimo fra diverse macro aree economiche.

Interporto Padova

Oggi Interporto Padova è un hub logistico collegato quotidianamente (via treno e anche via camion) ai maggiori porti nazionali. Con il porto di Genova (primo porto italiano) esistono tradizionalmente collegamenti ferroviari intermodali stabili (giornalieri) che vanno dai 3 ai 4 convogli bilanciati (import ed export) al giorno. Stesso discorso con il porto di La Spezia (altro partner storico ben radicato a livello ferroviario) e Livorno. Il versante adriatico vede collegamenti ferroviari con Trieste e via strada con Venezia e Ravenna. In estrema sintesi, la visita del sistema portuale e logistico di Guangzhou si innesta in una nuova consapevolezza nel valutare le qualità di un sistema logistico: non bastano le banchine, servono moderni centri logistici ben collegati e organizzati. Interporto Padova, a dispetto dell’apparente distanza, è una piattaforma logistica specializzata a servizio del porto di Genova con il quale è ottimamente collegato, e per gli operatori cinesi, giustamente, questo è un sistema logistico integrato che va valutato nella sua completezza. Non a caso, la delegazione cinese presenterà a Genova (il giorno successivo) le proprie potenzialità a coronamento di una visita tecnica che serve a “tastare” le capacità del sistema portuale/logistico italiano.

Navi portacontainer

È evidente che tutto gira intorno alle toccate delle navi portacontainer, sempre più grandi (oggi sopra anche i 20.000 Teu) ed impegnative dal punto di vista della capacità dei porti di caricare e scaricare velocemente grandi numeri di container; per questo motivo la miglior portualità nazionale ha compreso la necessità di lavorare a fianco di Interporto Padova, struttura logistica di riferimento per i traffici marittimi, per presentarsi come “sitema integrato” agli interlocutori internazionali, fornendo servizi e infrastrutture che molto spesso non hanno trovato adeguato sviluppo a ridosso delle banchine portuali. È un “nuovo inizio” per nostri migliori porti per competere con le grandi aree logistiche protagoniste del mercato globale dei traffici merce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalle acque gelide affiora un corpo di uomo: i passanti notano la salma lungo la riva

  • Rotogal brucia: inferno di fuoco all'alba. Il sindaco: «State in casa», Arpav monitora l'aria

  • Live maltempo: a Padova e provincia black out e rami caduti, Venezia in ginocchio

  • Cadavere nel parcheggio: fu arrestato per le spaccate, stroncato dalla droga

  • Tir sbaglia la curva e si inclina pericolosamente sopra il Muson (Video)

  • La Jaguar dà nell'occhio: il cane fiuta la coca, in casa del 70enne un bazar della droga

Torna su
PadovaOggi è in caricamento