Gli utili di Etra anticipati ai comuni? Un'ipotesi percorribile secondo Fabio Bui

Il presidente della provincia e sindaco di Loreggia ha chiesto all’assemblea dei soci di Etra di procedere alla distribuzione degli utili del bilancio 2019

«Condivido in pieno la preoccupazione per un futuro ormai imminente di ristrettezze economiche per le amministrazioni locali». Fabio Bui, presidente della Provincia di Padova e sindaco di Loreggia, non può che comprendere i timori di molti primi cittadini su quanto determinato dall’emergenza Covid-19. Una situazione che necessita di strumenti straordinari, ed è per questo che è stato chiesto all’assemblea dei soci di Etra di procedere alla distribuzione degli utili del bilancio 2019 in favore dei Comuni soci della multiutility.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Boccata d'aria

La cifra che sembra potersi assestare sui 3.5 milioni di euro, in netto miglioramento rispetto alle previsioni, costituisce una vera boccata d’aria, anche una volta spartita tra settanta Comuni. Etra ha le spalle solide e soprattutto i conti finanziari molto positivi, necessari per poter affrontare questa decisione. Una scelta delicata, però, che dovrà essere partorita sovranamente dall’Assemblea dei Soci. «Anzi – afferma Bui - sarebbe interessante studiare se eventualmente vi siano degli strumenti societari straordinari che consentano addirittura la distribuzione degli utili, in modo da non dover attendere l’estate inoltrata per poter sostenere i Comuni, già ora chiamati a rispondere ad un’emergenza che travolge famiglie ed attività produttive e commerciali in ogni territorio. Ogni Comune – aggiunge - sarebbe poi libero di disporre dei fondi nel modo ritenuto più opportuno, per andare incontro alle attività produttive, alle famiglie o ancora per fornire un aiuto alle famiglie per il pagamento delle bollette». Utenze domestiche e non domestiche dovranno infatti pagare le bollette: anche se, a questo proposito, si attende un chiarimento da parte del Consiglio del Bacino Brenta Rifiuti, nato da pochi mesi, che dovrebbe spiegare se, anche da parte delle imprese che hanno chiuso per le settimane di lockdown, il pagamento del Servizio rifiuti sarà dovuto. «Per tutti questi motivi – conclude Bui – sarebbe importante che gli utili venissero messi a disposizione appena possibile: una soluzione che auspico per il mio Comune, ma anche per tutte le Amministrazioni del territorio, che stanno attraversando un periodo di emergenza sanitaria e sociale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, l'aggiornamento a Padova e in Veneto: positive anche due sorelline di 3 e 6 anni

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Frodi fiscali nelle importazioni di auto usate: sequestrati beni per 2 milioni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento