Fiom Padova, Covid-19: la situazione nelle aziende metalmeccaniche padovane

In attività la Elbi, la Zilmet, la Varem e la Arneg da domani. Lunedì il dato registrato di richieste di cassa integrazione è arrivato a 36.883 dipendenti della media e grande industria

Nella giornata di lunedì il dato registrato di richieste di cassa integrazione è arrivato a 36.883 dipendenti della media e grande industria metalmeccanica per un totale di circa 1038 aziende, e circa 7511 dipendenti del comparto artigiano metalmeccanico padovano. Sono diverse le aziende metalmeccaniche che nella provincia di Padova hanno deciso per la riapertura, decidendo unilateralmente la ripresa lavorativa. Chi ha ripreso con il silenzio assenso del Prefetto, chi ha cambiato il codice Ateco e chi dice di essere parte di una filiera di produzioni essenziali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Aziende che riaprono

Alcune aziende che hanno ripreso, anche se parzialmente, le attività sono la Elbi, la Zilmet, la Varem e la Arneg da domani. La Fast, la Valvitalia, la Lincoln Electric, la Hiref, la Criocabin, la Columbia, la Schneider, la Uniflair, la OCS operano a regime ridotto, mentre la De Angeli prodotti, la Abb, la Brembana&Rolle, la Maschio Gasparso e la Mib Italiana non hanno mai sospeso le attività, se non per qualche giornata o per sciopero. Inoltre è necessario segnalare che ci sono sul territorio molte aziende non conosciute dal sindacato che hanno ripreso a lavorare. Nel Padovano si stima che le aziende che hanno ripreso a lavorare coinvolgano fra i 10.000 e i 15.000 lavoratori. «Ancora una volta le imprese del Veneto si distinguono per l’unilateralità delle decisioni e per non voler rispettare le decisioni istituzionali nell’interesse di tutti. Credo che sia inutile che continuino con questo atteggiamento e questo comportamento perché, quando si dovrà discutere su quando e come si ripartirà, sarà assolutamente necessario che arrivino ad un punto di mediazione con le istituzioni e con il sindacato nell’interesse comune. Per noi saranno imprescindibili la salute, la sicurezza, l’occupazione e il salario», ha dichiarato il segretario generale della Fiom di Padova Loris Scarpa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Le acque del Bacchiglione restituiscono un corpo. Accanto l'auto abbandonata

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

  • Live - Sangue sulle strade. Arrestato l'ex vicepresidente del Padova. Rogo sui Colli

Torna su
PadovaOggi è in caricamento