Michele Ghiraldo confermato alla presidenza degli alimentaristi della Fida Ascom

Ghiraldo, 50 anni, titolare di un negozio di  delicatessen in viale delle Terme ad Abano, è vicepresidente provinciale dell’Ascom e componente di giunta della Camera di Commercio

L’aponense Michele Ghiraldo è stato confermato alla presidenza degli alimentaristi della Fida Ascom Confcommercio di Padova. Ghiraldo, 50 anni, titolare di un negozio di delicatessen in viale delle Terme ad Abano, è vicepresidente provinciale dell’Ascom e componente di giunta della Camera di Commercio con delega al turismo, oltre che vicepresidente nazionale della Fida, l’organizzazione dei dettaglianti alimentari della Confcommercio.

I gloriosi "Casolini"

Con Ghiraldo, a guidare un gruppo ancora forte in provincia di qualcosa come 350 esercizi eredi dei gloriosi “Casolini” ma oggi orientati ad una qualità senza compromessi ed ad un servizio di alta gamma dal tratto fortemente innovativo, sono stati eletti, in qualità di vicepresidenti, Cristina Biollo e Marco Rossetto, mentre come consiglieri ci saranno Nicola Maurizio Bertin, Italo Guzzon, Adriano Piccolo, Oscar Semenzato, Giampaolo Lincetto, Nicola Lissandrin e Pierluigi Toniato. Risultano inoltre cooptati nel consiglio il cav. Antonio Mason, in quanto presidente della Fratalea Casolinorum Patavinorum e Primo Zaggia, Silvano Vignato, Ettorino Mancuso ed Orfeo Baracco.
Ghiraldo, Biollo, Piccolo, Lincetto e Toniato faranno poi parte dell’assemblea dell’Ascom.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella Bassa: si è tolto la vita Stefano Farinazzo, sindaco di Casale di Scodosia

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Tra incredulità e gioia: al ristorante Radici di Padova si presenta Martin Scorsese

  • Ristorante la sera, discoteca abusiva la notte: dopo il blitz stop ai balli

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

  • 18 giorni di chiusura per l'importante nodo stradale alle porte della città: le strade alternative

Torna su
PadovaOggi è in caricamento