Cambio ai vertici della Fipac Confesercenti: Brendolin si dimette, eletto Giacon

Il cambio dopo la lettera di addio dell'ex presidente, salutato con affetto da tutta la Confederazione. Al suo posto insediato un pensionato e socio da 30 anni

Il nuovo presidente saluta il predecessore

Dopo anni come presidente della Fipac Confesercenti, Aldo Brendolin, stimato rappresentante della categoria e da sempre impegnato nelle dinamiche sociali ed economiche, ha dato le dimissioni. A darne notizia è una nota inviata a tutti gli iscritti della federazione firmata dall’ex Presidente e dal neo eletto. Mercoledì 7 dicembre si legge nella nota, il direttivo allargato degli iscritti ha accettato le dimissioni per “decadenza dei termini”, provvedendo all’immediata elezione del nuovo responsabile, Giancarlo Giacon, oggi pensionato e già socio della Confesercenti da oltre 30 anni.

IL SALUTO ALL'EX PRESIDENTE. Il lavoro svolto da Brendolin e dalla categoria, durante il suo mandato, non si può certo riassumere in poche righe, ricordiamo tra le innumerevoli iniziative a livello locale quelle legate alla sanità. L’ultima a livello temporale è stata la collaborazione con il centro diabetici di Selvazzano per divulgare materiale informativo e per sensibilizzare sui risvolti della malattia. Per non parlare del lavoro svolto con il Cupla, il comitato che mette assieme le otto categorie maggiorante rappresentative dei pensionati del lavoro autonomo per rappresentarne e difenderne gli interessi, con il quale si è riusciti a far introdurre nel capitolo di spesa del bilancio Regionale la voce “contributo ai disabili”, ma anche l’inserimento a tutto campo della “Medicina Integrata” con contratto di esercizio con la Regione Veneto.

LA STORIA. Ricordando un po’ di storia appena passata: nel 2009 la FIPAC si è schierata per il rimborso IVA sulla tassa rifiuti attivandosi affinché i contribuenti fossero risarciti dell’esborso fatto in 10 anni su questo servizio. Negli anni, lo ricordiamo, si è sempre schierata apertamente a fianco dei pensionati sul tema della tassazione. Nel 2011 Brendolin ha inviato un messaggi alle Istituzioni per denunciare il grave disagio di tantissimi pensionati e anziani a causa della crisi chiedendo che si garantissero il potere di acquisto delle pensioni e la effettiva integrazione fra i livelli dei servizi sanitari e socio-assistenziali. Un’altra posizione fissa è stata che venissero definiti i livelli essenziali di assistenza (LEA) e quelli assistenziali (LIVEAS). Ripensiamo poi alle campagne contro la solitudine di chi rimane solo durante le vacanze, un tema che più volte è stato riproposto nei vari anni che ha portato a sensibilizzare l’opinione pubblica sul dramma che vivono alcuni anziani.  

RINGRAZIAMENTI. All’avvio di questo 2017, la Confesercenti e la categoria non può che ringraziare Aldo Brendolin per la dedizione e l’impegno del lavoro svolto ed augurare al suo successore, Giancarlo Giacon, altrettanto successo e buon lavoro. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa del Salone, incontri, fiere, mercatini e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Blocco del traffico, come funziona: il vademecum con tutte le informazioni utili

  • Giro d'Italia: la tappa del 22 maggio 2020 avrà l'arrivo a Monselice

Torna su
PadovaOggi è in caricamento