La provincia italiana con la media più alta di dipendenti per albergo? È Padova: i dati del boom

3.963 dipendenti nei 168 hotel censiti: la provincia padovana batte anche quella milanese. Soranzo: “Abbiamo però bisogno di una flessibilità corretta”

Venezia? Acqua. Milano? Fuochino. Ve lo sveliamo noi: Padova è la provincia italiana con la media più alta di dipendenti per albergo (sono 23.6 a fronte di una media nazionale fissata a 10.8).

“Frutto di un’ottima qualità”

Un dato che Patrizio Bertin, presidente di Ascom Confcommercio Padova, definisce “sorprendente di sicuro perché è una cifra più che doppia, però nel contempo sorprendente fino a un certo punto visto che i 168 alberghi censiti in provincia per 3.963 dipendenti sono il risultato di un’ottima qualità e di una forte presenza dell’area termale che, notoriamente, è un comparto a forte incidenza occupazionale visti i servizi aggiuntivi che vengono proposti”. Padova, dunque, svetta in questa classifica stilata da una ricerca ‘Datatur - Trend e statistiche sull’economia del turismo’ realizzata da Federalberghi in collaborazione con Incipit Consulting ed Ente Bilaterale Nazionale del Turismo lasciandosi dietro Milano (22.8) ma soprattutto tutte le altre province venete: Venezia è infatti a 13.9; Treviso a 11.8; Verona a 10.7; Vicenza a 8..1, Belluno a 7.1 e Rovigo a 6.1.

Quasi 13 letti per km quadrato

Monica Soranzo, presidente di Padova Hotels Federalberghi Ascom, aggiunge: “Questo però significa che i costi che le nostre strutture devono affrontare sono mediamente più alti e lo diventeranno sempre di più se si introdurrà una rigidità che nel nostro campo è come le sette piaghe d’Egitto: una catastrofe”. In attesa che le tinte forti sul fronte occupazione si stemperino, restano i dati dell’indagine che confermano altre buone propensioni dell’hotellerie padovana. Ad esempio la densità dell’offerta che se trova in Rimini valori inavvicinabili (169,4 letti per chilometro quadrato) e vede nelle posizioni di rincalzo Napoli (60,4) e Milano (48,7) piazza la provincia di Padova in un’ottima 20esima posizione con un valore di 12,7 letti per Kmq. Meglio di Padova, in regione, solo Venezia (quarta con 39,3 letti/Kmq) e Verona (16esima con 14,3), mentre sono molto più defilate le altre: 51esima Belluno con 5,4; 56esima Vicenza con 4,9; 71esima Treviso con 3,8 ed infine 90esima Rovigo con 1,8.

Incremento di presenze, ma...

C’è infine un dato che non risulta essere brillantissimo ed è quello dell’incremento delle presenze (dati 2016 su 2015) dove la provincia di Padova si piazza solo al 56esimo posto con una variazione percentuale in aumento pari al 2.3%. “Dato da prendere con le molle - analizza il presidente Bertin - perché dipende sempre dal livello di partenza e se Ragusa si piazza al primo posto (+53.6%) è perché il livello di partenza era molto basso. E poi ci sono i dati più recenti che confermano per Padova un buon trend di crescita che però necessita di idee nuove. Per questo siamo impegnati a fare in modo che la nostra città si doti di quell’arena della musica che avrebbe il potere di sviluppare un incoming di primissimo livello”. Dunque, si ragiona per il futuro. Nel frattempo la fotografia del recente passato vede Padova piuttosto indietro a livello Veneto. Verona infatti ha aumentato le proprie presenze dell’8.6%; Belluno del 5.2%; Vicenza del 4.9%; Treviso del 2.7%; Venezia del 2.4%; Rovigo del 2% netto.

“Maxi-indotto con l’Arena della Musica”

Monica Soranzo suggerisce un modo per aumentare ulteriormente le presenze: “Come ha ben evidenziato nei giorni scorsi il presidente Bertin, l’arena della musica produrrebbe un indotto pari a 35 milioni. Una cifra di tutto rispetto che non avrebbe come destinatari solo gli alberghi ma un po’ tutto il commercio. Attenzione però a non ‘ingabbiare’ il settore turistico in forme contrattuali che poco si adattano ad un comparto che, per sua natura, ha alti e bassi. Una flessibilità corretta è ciò di cui abbiamo bisogno. Tutto il resto rischia di essere una questione ‘di principio’ di cui a farne le spese sarebbero in primo luoghi i potenziali occupati e, immediatamente a seguire, le nostre imprese impossibilitate ad assumere e, pertanto, impossibilitate a proseguire la propria normale attività”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

Torna su
PadovaOggi è in caricamento