Sciopero generale 21 ottobre 2016: cortei, presìdi e manifestazioni in città e provincia

La protesta dei sindacati di base con mobilitazioni diffuse su tutto il territorio nazionale. A Padova, iniziative davanti ai magazzini, alla sede dell'Inps e alla Prefettura

Corteo in zona Portello (foto Facebook CLAP - Padova // Camere del Lavoro Autonomo e Precario)

Iniziative, presìdi e manifestazioni anche a Padova, venerdì 21 ottobre, in occasione dello sciopero generale dell’intera giornata di tutte le categorie pubbliche e private proclamato da Usb, Unicobas e Usi. L'agitazione, indetta "per la difesa dei diritti del lavoro e dello stato sociale, per difendere ed applicare la Costituzione del 1948, per dire basta al governo Renzi e al massacro sociale" ha ottenuto il sostegno di numerose organizzazioni, associazioni, movimenti e centri sociali.

INIZIATIVE DAVANTI AI MAGAZZINI DI PADOVA E PROVINCIA. In città, è partito alle 4 lo sciopero di decine e decine di facchini, in presidio davanti ai magazzini di Acqua e Sapone e Alí "per la clausola sociale, contro l'esclusione da socio e per l'estensione dei miglioramenti ottenuti a tutti i magazzini". Proteste sono state organizzate anche davanti al magazzino Diesel di Limena e alla Unicomm di San Pietro in Gu. Blocchi, poi, a Mestrino davanti al magazzino Aspiag-Despar.

PRESIDIO DAVANTI ALL'INPS. In mattinata, davanti alla sede dell'Inps di via Delù, si è svolta una manifestazione organizzata da Clap Padova - Camere del lavoro autonomo e precario e BiosLab, che, durante la notte, avevano tappezzato le vie del centro con volantini e striscioni all'insegna dell'hashitag #stopvoucher. Il presidio davanti all'Inps è scattato alle 10.30. I manifestanti hanno rivendicato "l'abolizione immediata dei #voucher, maggiori diritti sul lavoro e tutele sociali" contro "forme di lavoro gratuito, sottopagato o non formalizzato" e chiesto un tavolo di confronto con il direttore del Inps di Padova.

SIT-IN DAVANTI ALLA PREFETTURA. I lavoratori dell'Adl Cobas hanno organizzato un sit-in a mezzogiorno in piazza Antenore, davanti alla Prefettura di Padova, "per la difesa dei nostri diritti e per rivendicare un contratto giusto". I manifestanti chiedono un incontro con il Prefetto e, all'amministrazione comunale "risposte immediate su: assunzioni a tempo indeterminato di maestre ed educatrici dei nidi e scuole dell'infanzia; ripartizione delle quote di personale che potrà essere assunto tra i settori ed uffici maggiormente deficitari in termini di risorse umane (servizi sociali, servizi demografici e cimiteriali, ufficio tributi); chiarimenti sui programmi riguardo al personale ex Settore Verde)". Nella tarda mattinata, un corteo spontaneo si è snodato tra le vie di Padova, in zona Portello.

BUSITALIA VENETO. Per quanto riguarda i trasporti, che, in occasione dello sciopero, hanno paralizzato il Paese, Busitalia Veneto ha informato gli utenti che possibili disagi sono previsti, dalle 8.30 alle 11.59 e dalle 14.50 in poi, sulla linea Padova-Vicenza, limitatamente alle corse effettuate da personale della società Svt di Vicenza, identificato da apposita simbologia negli orari alle fermate e sui libretti orari. "Specifichiamo che tale agitazione riguarda solo il personale aderente dipendente della suddetta azienda - comunica Busitalia Veneto - riteniamo che i servizi pubblici di linea - direttamente effettuati da Busitalia Veneto a Padova e a Rovigo - debbano essere regolari".

TRENITALIA. Il personale ferroviario, a livello nazionale, aderisce all’astensione generale dalle 9 alle 17. Circolano regolarmente le Frecce e i convogli garantiti, elencati nell'apposita tabella dei treni previsti in caso di sciopero, consultabile sull'orario ufficiale di Trenitalia e sul sito di Trenitalia nella sezione "in caso di sciopero". Alcuni treni Intercity che non rientrano tra quelli "garantiti" potranno, invece, essere cancellati o limitati nel percorso. Nel trasporto regionale, sebbene la fascia oraria dello sciopero non contempli servizi minimi previsti per legge, Trenitalia ha fatto sapere che "sarà impegnata a offrire un adeguato livello di servizio che sulle principali linee si preannuncia pressoché regolare".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il trattore trancia un tubo di gasolio: la perdita fa scoprire l'allacciamento abusivo

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Tragedia al Portello: dalle acque del Piovego affiora un cadavere

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento