“Camici sotto le stelle”: la musica, il mare, l’estate in una stanza d’ospedale

«Tutti, da ricoverati, abbiamo bisogno di evasione, di prendere il largo dai nostri pensieri: per questo abbiamo pensato - spiega il direttore generale dell’Ulss 6 Euganea, Domenico Scibetta - di fornire ai pazienti di alcuni nostri reparti una “barchetta di spensieratezza” sulla quale salire per salpare con la mente verso altri lidi»

Musica e parole per portare il cielo, il mare, l’estate in una stanza (d’ospedale). L’Ulss 6 Euganea propone “Camici sotto le stelle”: l’appuntamento è per martedì 13 agosto, in location del tutto particolari ovvero nei reparti di Medicina (ore 10) e Oncologia (10.30) dell’Ospedale di Cittadella, e nel reparto di Oncologia dell’Ospedale di Camposampiero (ore 13.30, qui anche con l’ausilio di un pianoforte).

L'evento

L’iniziativa, pensata per i pazienti e i loro familiari, è promossa nella settimana che contraddistingue l’Estate con la “E” maiuscola, sia per la magica notte delle stelle cadenti, San Lorenzo, sia per la frenesia che accompagna il “capodanno” estivo, il 15 agosto appunto. Ad animare la giornata saranno un gruppo di medici e volontari: l’oncologo Giovanni Palazzolo, i volontari della LaAV (Letture ad Alta Voce), alla presenza dei primari Teodoro Sava (Oncologia) e Natalino Simioni (Medicina). L’obiettivo è uno e uno solo: contribuire a far affrontare meglio il percorso di cura. Ecco dunque melodie, pensieri, riflessioni sul mare e sul cielo, concepiti come spazi di libertà, orizzonti d’infinito.

«Prendere il largo dai pensieri»

«Tutti, da ricoverati, abbiamo bisogno di evasione, di prendere il largo dai nostri pensieri: per questo abbiamo pensato - spiega il direttore generale dell’Ulss 6 Euganea, Domenico Scibetta - di fornire ai pazienti di alcuni nostri reparti una “barchetta di spensieratezza” sulla quale salire per salpare con la mente verso altri lidi. Del resto è comprovato che la compagnia e l’empatia agevolando la guarigione, innescando energie positive, migliorando concretamente la degenza degli assistiti che non devono subire la struttura ospedaliera e le sue regole rigide. Vogliamo in questo modo sollecitare il più possibile un’accoglienza che sia veramente tale, un sentirsi al centro dello stare ospedaliero. A tutti coloro che hanno deciso di promuovere questa iniziativa sperimentale, che verrà allargata nei prossimi mesi ad altre realtà di ricovero e cura dell’Euganea, va il mio ringraziamento». A “Camici sotto le stelle” prenderà parte lo stesso direttore generale, dottor Domenico Scibetta che reciterà una poesia.

Potrebbe interessarti

  • Tumori, scoperto il meccanismo per il controllo della proliferazione cellulare

  • Infarto e ictus, team di ricercatori padovani trova la "porta" che diminuisce i danni al cuore

  • Potassio: come assumerlo e perché fa bene a cuore, reni e ritenzione idrica!

  • Fine mese all'insegna dei cantieri: strade chiuse fino a due mesi tra il centro e i quartieri

I più letti della settimana

  • Fermata e soccorsa mentre corre nuda in centro a Padova: «Sono sonnambula»

  • Tenta il suicidio nel Bacchiglione: trascinata a riva da un passante, è gravissima

  • Si schiantano con l'auto contro un platano: passeggera elitrasportata in ospedale, è grave

  • Pauroso schianto tra due auto, feriti i conducenti. Interviene l'elisoccorso, strada chiusa

  • Pedone falciato da un'auto all'altezza del cantiere: due i feriti

  • Litigio tra pazienti allo studio medico: costole rotte e denunce per due pensionati

Torna su
PadovaOggi è in caricamento