Un sogno lungo quarant'anni: apre al pubblico la casa-museo Bassi Rathgeb

Allestita nell'omonima villa cinquecentesca ad Abano Terme, di proprietà del Comune dal 1979, verrà inaugurata sabato 8 dicembre

Villa Bassi Rathgeb diventa casa-museo: apertura al pubblico sabato 8 dicembre

Ci sono voluti quasi quarant'anni per riportarla al suo antico e completo splendore. Ma ora lo storico momento è arrivato: il Comune di Abano Terme ha scelto (insieme a Regione Veneto e Soprintedenza) sabato 8 dicembre per l'apertura al pubblico della Casa Museo Bassi Rathgeb allestita nell'omonima Villa cinquecentesca in via Appia Monterosso, a ridosso del cuore del centro termale.

I lavori di restauro

La villa Bassi Rathgeb, dopo molti passaggi di mano, divenne proprietà comunale nel lontano 1979 e venne destinata a centro culturale ed espositivo per accogliere l'ingentissimo patrimonio donato alla città termale dalla vedova di Roberto Bassi Rathgeb, illustre collezionista, storico dell'arte e intellettuale bergamasco, legato alle terre aponensi da lunga frequentazione. Un patrimonio di oltre 420 opere tra dipinti, disegni, incisioni, reperti archeologici e mobili d'alto antiquariato. Servirono però quasi due decenni per definire il progetto di conversione della nobile dimora al nuovo uso pubblico e programmare i lavori di restauro. Gli interventi hanno soprattutto interessato tutti i nove importantissimi cicli di affreschi che rendono unica questa villa veneta; affreschi datati, per la gran parte, all'ultimo scorcio del '500 e attribuiti ad artisti di ambito veronesiano e più esattamente zelottiano (Giovanni Battista Zelotti affrescò, da solo o con Paolo Veronese, diverse ville palladiane). Con gli affreschi, i restauri hanno ridato dignità anche agli stucchi settecenteschi e all'Oratorio che, dopo il 1775, il marchese Giovanni Antonio Dondi Orologio volle fosse innalzato nelle esatte forme della Casa di Nazareth conservata nel Santuario di Loreto. Con il procedere dei lavori, parti dell'edificio e delle adiacenze sono state destinate ad accogliere uffici comunali.

La casa-museo

Ora, a conclusione dei capillari interventi, il Corpo Nobile della villa tornerà ad assumere l'aspetto di una elegantissima Casa-Museo, com'è nei sogni di molti aponensi. Nei saloni affrescati del Piano Nobile torneranno i mobili d'epoca, le armi e le armature nonché i reperti archeologici collezionati dal raffinato intellettuale bergamasco. Il fior fiore della sua importante raccolta d’arte, allestito sotto forma di quadreria, troverà stabile collocazione al secondo piano della nobile dimora insieme ad altre opere della stessa collezione. Un'ulteriore selezione dei 120 dipinti, 70 disegni e delle preziose acqueforti della Collezione Bassi Rathgeb, sarà proposta in una mostra temporanea all'interno dei suggestivi ambienti ipogei della villa. Questi spazi, di grandissimo fascino, sono infatti destinati ad accogliere, con cadenza semestrale, esposizioni di approfondimento di pagine importanti della storia dell'arte e della fotografia internazionali. Nei medesimi ambienti verrà inoltre posizionato un “corner” informativo dove i visitatori potranno “entrare! nel mezzo millennio di storia della villa, dei suoi successivi proprietari e del professor Bassi Rathgeb, figura singolare di uomo di cultura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Museo soggetto attivo e partecipativo»

Federico Barbierato, sindaco di Abano Terme, osserva: «La realtà del Museo di Abano si inserisce in un contesto particolare come quello del bacino termale, e si ritiene che la formazione culturale del turista, specie straniero, sia tale da prefigurare un'elevata risposta. Certo vi dovrà essere una declinazione dell'offerta costruita sul target del turista, ove svago e cultura s'intrecciano». Cristina Pollazzi, assessore alla cultura, aggiunge: «Il Museo sarà un soggetto attivo e partecipativo, in grado di dialogare con la città di Abano, offrendo accanto alla collezione momenti di musica, teatro e danza. Il suo ruolo sociale sarà la sua funzione essenziale, il fine della sua esistenza: infatti, contribuirà alla conoscenza e alla trasmissione del sapere integrandosi ed identificandosi con il territorio e con la sua storia, non solo garantendo la salvaguardia della collezione, ma anche favorendo attività tese a favorire uno spazio di fruibilità culturale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: quattro morti in provincia di Padova, anche il custode di Villa Marin

  • Coronavirus, Zaia: «Si tornerà alla normalità, ma gradualmente. Non abbassiamo la guardia»

  • Pm10 alle stelle negli ultimi tre giorni a Padova e provincia: ecco le motivazioni

  • Rientra e trova la compagna esanime: stroncata in casa da un malore fatale

  • «Via libera alla vendita di piante e fiori»: boccata di ossigeno per 450 aziende padovane

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: altri anziani morti, a Padova 2,3 positivi ogni mille abitanti

Torna su
PadovaOggi è in caricamento