One book one city: aperte le iscrizioni per partecipare alla maratona di lettura a Padova

Il libro scelto quest’anno è “Il vecchio”, un romanzo che verrà letto alle ore 16, in piazza dei Signori sabato 14 settembre. Una sorta di staffetta dove chiunque può leggerne una parte

E se tutta la città leggesse lo stesso libro? One Book One City Padova è un invito a creare comunità leggendo. È un progetto dell'Università realizzato con il Comune di Padova, riconosciuta "Città che legge". È un programma di lettura individuale e collettiva di un unico libro importante, scelto per il suo valore letterario e culturale e perché, antico o moderno, sa parlare al presente a persone di tutte le età. Acli Arte e Spettacolo Padova aderisce all’iniziativa con una serie di eventi a cura di Renata Rizza Stracquadanio della Compagnia teatrale Jonathan’s Performing Arts e Anna – Rita Di Muro.

Scorpri i dettagli dell'evento

La maratona

“Un libro per tutti, tutti per Sepulveda” sarà una maratona letteraria che si svolgerà all’aperto, a partire dalle ore 16 fino alle 20 di sabato 14 settembre 2019, organizzata da Acli Arte e Spettacolo e dalla Compagnia teatrale Jonathan’s Performing Arts. L’intento è quello di invogliare tutti i cittadini a leggere collettivamente qualche passaggio del libro in questione.

Come iscriversi

Chiunque voglia partecipare alla lettura può inviare una mail a leggi.sepulveda@gmail.com ed indicare quale pagina, paragrafo, spezzone vorrebbe leggere. Sarà cura degli organizzatori rispondere ad ogni mail e indicare un’alternativa nel caso il brano prescelto fosse già prenotato.

In cosa consiste? 

One Book One city Padova è un progetto di lettura individuale e collettiva di un unico libro importante, scelto per il suo valore letterario e culturale e perché, antico o moderno, sa parlare al presente a persone di tutte le età. Grazie alla partecipazione di tutti, One Book One City Padova è diventato un laboratorio di idee, di momenti di creatività e di festa, un insieme di iniziative eterogenee - quali readings, proiezioni di film, progetti teatrali, mostre, concorsi, bookcrossing - e di attività in università, nelle scuole, nelle librerie, nelle biblioteche, sui mezzi pubblici e nei quartieri di Padova.

Il libro

Il libro scelto quest’anno è “Il vecchio” che leggeva romanzi d’amore di Sepulveda. Pubblicato nel 1989 e uscito in Italia 25 anni fa, il romanzo narra del vecchio Antonio José Bolivar, che vive ai margini della foresta amazzonica equadoreña. Vi è approdato dopo molte disavventure che non gli hanno lasciato molto: i suoi tanti anni, la fotografia sbiadita di una donna che fu sua moglie, i ricordi di un’esperienza, finita male, di colono bianco e alcuni romanzi d’amore che legge e rilegge nella solitudine della sua capanna sulla riva del grande fiume. Ma nella sua mente, nel suo corpo e nel suo cuore è custodito un tesoro inesauribile, che gli viene dall’aver vissuto “dentro” la grande foresta, insieme agli indios shuar: una sapienza particolare, un accordo intimo con i ritmi e i segreti della natura che nessuno dei famelici gringos saprà mai capire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scarica la locandina dell'evento-125

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto nella serata di domenica: morta una donna, centauro ferito

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Ecco la nuova ordinanza con le riaperture del 25 maggio e del primo giugno»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento