All'ombra del Santo "È nata una stella": il grande progetto per Padova Urbs Picta

Il progetto è mirato alla costituzione di otto cooperative scolastiche in altrettanti istituti patavini per portare Padova nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Unesco

Un nuovo slancio per la candidatura di Padova grazie a “È nata una stella”

Per fare di Padova trecentesca la candidata più accreditata ad entrare nella Lista del Patrimonio Mondiale Unesco è necessario mettere in campo tutte le forze della città. Uno sforzo comune in cui la componente giovane deve giocare un ruolo essenziale e determinante. Ed è proprio su queste premesse (e grazie alla volontà di Irecoop Veneto, di Banca di Credito Cooperativo Patavina e di Confcooperative Padova) che si fonda il percorso formativo di alternanza scuola-lavoro a , incentrato su Giotto e la sua fortuna all’epoca dei Carraresi.

Il progetto

Il progetto, patrocinato dal Comune di Padova, è inserito nel piano di gestione di Padova Urbs picta e organizzato con la collaborazione del Settore Cultura, Turismo, Musei e Biblioteche e degli enti proprietari degli edifici che conservano i cicli pittorici affrescati: Comune di Padova, Accademia Galileiana di Scienze, Lettere ed Arti, Basilica e Convento del Santo con la Veneranda Arca del Santo, Diocesi di Padova. “È nata una stella” impegnerà studenti di otto istituti (Liceo Fermi, Liceo Duca d’Aosta, Istituto Rolando da Piazzola, Istituto Ruzza, Istituto Leonardo da Vinci, Istituto Einaudi-Gramsci) a sviluppare altrettanti diversi percorsi creativi sul tema della valorizzazione del patrimonio artistico, culturale e identitario di Padova. Il percorso di formazione e sviluppo della cooperativa simulata delle singole classi sarà sostenuto dall’esperienza di Irecoop Veneto insieme a Monica Baldessarri, formatrice esperta. Gli studenti arriveranno a stabilire la ragione sociale della loro cooperativa, svilupperanno un’indagine di mercato, elaboreranno un strategia di marketing, decideranno come gestire il proprio budget. Il mondo della cooperazione si unisce dunque per coinvolgere e stimolare il mondo della scuola. L’obiettivo è quello di abituare i giovani a lavorare insieme, a cercare obiettivi comuni e strade convergenti, in ottica creativa di gruppo, che abbia una componente imprenditoriale, di servizio e soprattutto sia attenta a rispettare concetti di responsabilità e di sussidiarietà nel territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Padova Urbs Picta"

Il progetto verrà introdotto giovedì 8 novembre all’interno del percorso plenario di formazione intensiva su “Padova Urbs Picta”, ovvero della tematica che farà da collante e da fine ultimo di questo impegno. Sarà questo il momento in cui dalla visione dei capolavori artistici e da tutta una serie di altre osservazioni ambientali potranno arrivare stimoli e idee per l’elaborazione dei progetti. Gli studenti delle otto classi visiteranno tutti i luoghi selezionati per la candidatura Unesco e incontreranno alcuni protagonisti di questo percorso cittadino: Giorgio Andrian, esperto UNESCO, spiegherà il senso di candidare Padova a patrimonio dell’umanità, Giuliano Pisani, esperto di Giotto, tratterà le principali innovazioni introdotte dal celebre artista, Andrea Tonello, manager di Superfly lab (organizzatore di Vintage Festival e Natale a Padova), racconterà la storia di successo di un’azienda che ha puntato tutto sulla cultura. Andrea Colasio, assessore alla cultura del comune di Padova, dichiara: «Grazie ad un impeccabile lavoro scientifico, alla condivisione strategica con gli enti proprietari dei siti che contengono i cicli di affreschi, a iniziative di presentazione pubblica del progetto si sono create le condizioni perché la candidatura di Padova al riconoscimento UNESCO fosse la più forte tra quelle espresse in Italia. Il racconto del primato di Padova come "città dell’affresco" rappresenta una straordinaria forza identitaria e offre enormi potenzialità nella promozione turistica della città». A conclusione del periodo di elaborazione delle singole cooperative simulate, vi sarà un incontro plenario in cui verranno esposti i singoli progetti e in cui sarà premiato quello che sarà ritenuto il migliore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Le acque del Bacchiglione restituiscono un corpo. Accanto l'auto abbandonata

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento