Un successo lungo cinque mesi: torna l'appuntamento con "Teatro Ragazzi Padova"

In programma dal 28 ottobre 2019 al 25 marzo 2020, gli spettacoli sono programmati all'interno dell'orario scolastico dall'infanzia alle scuole secondarie di secondo grado

La locandina di "Teatro Ragazzi Padova"

32 appuntamenti per quasi 8.000 ragazzi, 16 diversi spettacoli di compagnie teatrali professionali del panorama nazionale e 3 progetti speciali con speciali focus dedicati a Leonardo. Per portare l’esperienza del teatro dall'infanzia alle scuole secondarie di secondo grado di Padova e territorio: hanno quasi già raggiunto quota 6.000 le prenotazioni confermate per gli spettacoli della nuova stagione che anche quest'anno sarà inaugurata al Ridotto del Teatro Comunale Verdi di Padova e che si terrà dal 28 ottobre 2019 al 25 marzo 2020.

Teatro Ragazzi Padova

Gli spettacoli sono proposti in orario scolastico a integrazione dei normali programmi didattici e disseminati in diversi luoghi della città. L’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova ha confermato la stagione di Teatro Ragazzi Padova 2019-2020, in continuità e con il tradizionale direttore artistico Antonio Panzuto, attore e scenografo padovano che fa parte di Tam Bottega d’Arte (con la collaborazione di Flavia Bussolotto), e la pluriennale esperienza artistica e culturale di Tam Teatromusica (riconosciuta dal MIBAC) che cura anche l’organizzazione generale del programma. La rassegna collabora con: Teatro Stabile del Veneto, Settore Servizi Scolastici del Comune di Padova, Istituto Comprensivo Statale “Donatello”, Agiscuola Trevenezie. Spiega l'assessore alla cultura Andrea Colasio: «Puntuale come l’inizio dell’anno scolastico torna questa stagione di teatro ragazzi che nel corso del tempo, vista la sua storia ormai consolidata, è riuscita a raccogliere un pubblico sempre più ampio, che oggi conta più di settemila tra ragazzi e insegnanti. Il merito è della qualità della proposta, coerente sul piano artistico e educativo, con il coinvolgimento di alcune tra le più importanti compagnie italiane di teatro ragazzi e con delle produzioni di sempre garantito interesse. Quest’anno due grandi personaggi del passato hanno ispirato alcuni speciali momenti nel programma: il primo è Leonardo da Vinci, di cui ricorre il 500 anniversario della morte; oltre agli spettacoli, tra cui una prima nazionale coprodotta da Tam Teatromusica e Teatro Stabile del Veneto, è previsto un laboratorio di teatro pittura organizzato con i nostri musei civici. Il secondo è Giovanni Battista Belzoni, il padovano che con le sue esplorazioni scoprì la civiltà degli antichi Egizi, a cui la nostra città dedicherà una mostra internazionale da ottobre 2019 a giugno 2020, e la cui figura avventurosa verrà riletta per i ragazzi in chiave teatrale».

Da Leonardo a Belzoni

Aggiunge Antonio Panzuto, direttore artistico della rassegna: «È necessario e vitale per noi, pensando alla Nuova Stagione di Teatro Ragazzi 2019/2020, cogliere l’occasione di celebrare i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci. E’ un appuntamento educativo per il nostro spirito e la nostra mente e non potevamo non approfittare della potenza di questo artista per leggere ai ragazzi la sua arte e aprire le finestre sull’opera del più grande sognatore, scienziato, pittore, fisico, botanico, artista immenso». E proprio prendendo spunto da Leonardo nella rassegna viene presentato in prima nazionale, presso il Piccolo Teatro Don Bosco, per le classi delle scuole primarie, lo spettacolo di teatro e suggestione visiva, “Or, non vedi tu? Leonardo, dell’occhio e della mano”, una produzione Tam Teatromusica-Teatro Stabile del Veneto, progettato rileggendo le opere pittoriche di Leonardo e che nasce dal desiderio di mettersi in ascolto delle domande che ci pone, nella convinzione che abbia ancora molto da dire a noi contemporanei. Sempre con protagonista Leonardo per i ragazzi delle scuole dell’infanzia viene presentato, al Piccolo Teatro Don Bosco, lo spettacolo Leo della Compagnia Drammatico Vegetale di Ravenna: Il mondo e le visioni raffinate e sorprendenti dell’artista toscano, visto e interpretato con gli occhi curiosi di un bambino. All’interno del progetto su Leonardo da Vinci, al Museo degli Eremitani sarà aperto un laboratorio di teatro-pittura, in collaborazione con la Direzione del Museo e con la partecipazione degli studenti della Scuola di Scenografia del Liceo Artistico “Selvatico”: "Il codice della pittura". Un focus è dedicato, si diceva, a Belzoni. La Compagnia I Fantaghirò di Padova presenta "giobatta Jones e il mistero delle piramidi", spettacolo abbinato alla Mostra internazionale, a cura dell’Assessorato alla Cultura, “L’Egitto di Belzoni” che si apre al Centro Culturale Altinate/San Gaetano, alla fine di ottobre. Lo spettacolo rivede la figura di Giovanni Battista Belzoni, un archeologo straordinario e avventuroso, “un gigante” nella terra delle piramidi, che ha portato alla luce incredibili tesori, durante i suoi viaggi, lungo il corso del Nilo.

Gli altri spettacoli

Ma non ci saranno solo Leonardo e Belzoni in questa stagione 2019/2020. La partenza del calendario sarà affidata il 28 ottobre a “Omero Iliade - Il gioco della forza” rilettura del poema realizzata da Antonio Panzuto Tam Bottega D’Arte. L’opera, dedicata alle scuole dalle primarie alle secondarie di 2 grado, sarà in scena al Ridotto del Teatro Comunale Verdi. E’ un progetto nato dal lavoro con una classe di bambini della scuola primaria Giovanni XXIII di Padova: le loro parole ed i loro disegni a carboncino tracciano un vocabolario di immagini seducenti che conduce nell’immensa opera di Omero, ritrovandovi una leggerezza infinita ed una grande attualità. E a seguire tutti le altre produzioni dedicate ai giovani spettatori. Si va dallo spettacolo della Compagnia Inti, Zanna Bianca-Della Natura Selvaggia vincitore del Premio Eolo-Teatro Ragazzi 2019 alla Compagnia CSS di Udine con lo spettacolo Kafka e la bambola viaggiatrice. Poi il Teatro delle Briciole di Parma con lo spettacolo "Fa la cosa faticosa", la Compagnia Fontemaggiore di Perugia con "Sogno". Tam Teatromusica propone all’Auditorium Copernico il lavoro "I sei cigni" mentre per il giorno della Memoria invitiamo la Compagnia Il Melarancio di Cuneo che presenta lo spettacolo Viaggio ad Auschwitz a/r", vincitore del premio Eolo Awards 2014. Viene anche presentato uno spettacolo di danza, un "Pinocchio Game" realizzato dalla Compagnia MovimentoinActor di Pisa, rilettura del lavoro di Collodi con immagini video a grande scala, in un contesto contemporaneo di degrado urbano. Altri spettacoli presenti in cartellone sono: "Con la luna in mano" de I Teatrini di Napoli, Teatro dei Colori di Avezzano (AQ), con lo spettacolo "Carnàval", la Compagnia Ruotalibera di Roma con lo spettacolo "Nella pancia di papà", la Compagnia fiorentina Catalyst con “Vulcania, la costituzione raccontata ai bambini”. Gli spettacoli sono proposti con tariffe 5 e 6 euro. A due insegnanti per classe l'ingresso è offerto gratuitamente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Tragico schianto sulla Piacenza-Brescia: muore autotrasportatore padovano

  • Tremendo frontale tra un'utilitaria e un camion, una donna muore nello schianto

  • Linea Verde fa tappa a Padova: il fiume Brenta e la zona del Piovese protagonisti su Rai 1

  • Cantine aperte, degustazioni, fiere, concerti e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Stragi del sabato sera, maxi servizio di repressione in provincia: più di 200 persone controllate

Torna su
PadovaOggi è in caricamento