Ritrovato da una storica padovana, arriva il Cartone di Guernica. E' una delle versioni della celebre opera di Picasso

E’ la storica dell’arte padovana, Serena Baccaglini, che ha reso possibile l’arrivo a Padova di una versione del Guernica che è lei stessa ad avere scoperto e recuperato in un atelier nel sud della Francia

E’ la storica dell’arte padovana, Serena Baccaglini, che ha reso possibile l’arrivo a Padova di Guernica. Lo ritrovò in un atelier dove queste tavole di cartone erano servite da modello per creare l'arazzo che il magnate Rockfeller aveva richiesto. Picasso, non potendo e non volendo replicare l'originale, si inventò qualcosa di nuovo. L’opera a olio di Picasso, è esposta stabilmente al Museo Reina Sofia di Madrid,  sotto tutela da una legge dello Stato. Da lì non si può muovere. Ma di Guernica, appunto, non ne esiste solo uno. Il cartone sarà esposto a Padova in occasione dei festeggiamenti del centenario della Grande Guerra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Guernica

L’opera a cui tutti si fa riferimento fu concepita trentatré giorni dopo il bombardamento del paese basco di Guernica e poi, nell’aprile di quello stesso anno, il 1937, esposto all’Expo di Parigi. Il Cartone venne realizzato invece 18 anni dopo, su della carta da pacchi. Sono 6 strisce larghe come un telaio, perché usato come modello e guida per la tessitura dell’arazzo che invece oggi è esposto stabilmente al Palazzo di Vetro dell’ONU. Sono passati 18 anni dopo la realizzazione dell’olio, esattamente nel 1955, quando Nelson Rockefeller stimola l’artista a rifare l’opera che invece pensò ad un arazzo. Siamo nel 1951 quando Picasso incontrerà la tessitrice Jacqueline de la Baume Durrbach.

Il ritrovamento

La storica padovana è proprio nell’atelier della tessitrice che ritrova i cartoni, molti anni dopo. “Quei cartoni, i pezzi di Guernica, erano arrotolati dentro una cassa abbandonata in un garage”, ha raccontato in alcune interviste. Il suo sogno è quello di unire, un giorno, tutte le versioni che Picasso ha prodotto a questo che è diventato da un grido di doloro a un manifesto per la pace. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Schermata 2018-10-10 alle 19.06.11-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Clamoroso, dopo 2 giorni di attività il Gasoline chiude: «Troppi rischi, gettiamo la spugna»

  • Tragico schianto nella serata di domenica: morta una donna, centauro ferito

  • Coronavirus, Zaia: «Ecco la nuova ordinanza con le riaperture del 25 maggio e del primo giugno»

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Gli cade addosso la fresatrice mentre la carica con un muletto: muore imprenditore

Torna su
PadovaOggi è in caricamento