Mostra di Julien Friedler "Mania Boz” ad Abano Terme

La mostra esplora il mondo pittorico di Friedler attraverso una trentina di opere dall'evidente carattere onirico e primitivo, e ricostruisce l'atmosfera del suo atelier di Bruxelles attraverso la presenza fantasmagorica degli Schnarks.
a cura di Dominique Stella.

Julien Friedler è un personaggio atipico nel mondo dell'arte. Nato nel 1950, esordisce con una carriera da psicanalista e scrittore. Nel 1994 crea l'associazione "La Moire", un luogo di riflessione sull'apparato psichico che già esorta a un abbattimento delle barriere tra le discipline nell'ambito di una ricerca globale. Si allontana in seguito dai suoi colleghi psicanalisti - senza tuttavia rinnegare le conoscenze acquisite in questa prima fase professionale - per fondare il “Boz”, un universo in evoluzione permanente, che comporta sfaccettature contrapposte, le une d'ispirazione collettiva, le altre di meditazione individuale. È a questo ultimo aspetto che appartiene la produzione pittorica dell'artista e le installazioni intitolate Schnarks che popolano il suo atelier.

Julien Friedler è pittore. Un pittore che osserva il mondo, e da questa contemplazione nasce una forza di ricezione e trasmissione delle percezioni visibili e invisibili delle energie vive che abitano il nostro pianeta. La sua arte mette in moto sensazioni, relazioni, analisi, capacità di azione, ed è concepita come opera di integrazione di tutte le espressioni vitali, derivino esse dalla propria esperienza o da quella altrui. La sua azione, di conseguenza, riveste molteplici aspetti e la sua opera abbraccia vari campi, dalla letteratura alla filosofia, dall'analisi sociologica alle arti plastiche (pittura, scultura). Il suo linguaggio artistico comporta una produzione pittorica generata dalla propria necessità creatrice, dal proprio desiderio di trasmissione spontanea e viscerale, derivante da quello che l’artista definisce: "tentativo di scoprire ciò che costituisce l'essenza passionale delle persone".

Julien Friedler procede secondo una modalità quasi ipnotica, senza vincolo di soggetti, di materiali messi in opera, definendo così un ritmo, un modo di espressione informale. La qualità della sua opera deriva dalla sua capacità di dissociazione e introspezione che egli applica a se stesso prima di interessarsi agli altri, e dal voler scoprire nell'altro le motivazioni più intime: esplorare l'animo umano. La sua indagine si cristallizza nel suo lavoro anche in una forma più concettuale, generata da un altro volto del contemplatore, impersonato dall'alter ego di Friedler: Jack Balance. Vicina al linguaggio Fluxus, questa parte della sua opera rappresenta un tentativo di fusione tra diverse forme di espressione. Come in Fluxus, l'arte è supporto di scambio e di comunicazione, che corrisponde più a un atteggiamento verso la vita, a un tentativo di abolire le frontiere che separano quest'ultima dall'ambito della creazione artistica. Non vi è più oggetto privilegiato, sacralizzato dalla denominazione "arte", ma una base comune di scambio che si traduce in proposte, gesti e azioni che richiedono una partecipazione collettiva.

Facendo eco alla propria pittura e secondo questa filosofia indagatrice, Julien Friedler ha concepito un progetto di installazione intitolato «La Forêt des Âmes» (La Foresta delle anime), progetto ambizioso e partecipativo promosso dall'associazione Spirit of Boz.
La sua carica emotiva e sensibile, la sua capacità introspettiva, arricchita da una conoscenza dei meccanismi segreti degli esseri umani, che oggi Friedler sviluppa nel suo progetto di Boz, ma che egli ha nutrito tempo addietro attraverso la pratica della psicanalisi, alimenta il suo immaginario pittorico. Le sue opere sono abitate da spiriti invisibili, da ombre furtive che vagano in universi eterei. Di ispirazione informale, i suoi quadri talvolta inquietanti ma spesso colorati e aerei, definiscono una pittura fatta di armonie sottili, che riflettono il suo interesse per le conoscenze subliminali del mondo. 

Durante la mostra interverrà per una performance dal vivo il noto writer padovano Alessio-b, famoso in tutto il mondo per i suoi lavori realizzati sui muri delle principali Città. L’artista realizzerà un dipinto di grandi dimensioni sulla tematica del “BOZ” sul quale interverrà anche Julien Friedler, realizzando così un'opera unica nel suo genere, eseguita a quattro mani, che verrà esposta a Spoleto durante il Festival Internazionale del Jazz.

Julien Friedler non è nuovo ad iniziative originali avendo in altre occasioni stupito il suo pubblico con installazioni realizzate assieme ad altri Artisti internazionali; l'Associazione Spirit of Boz riprende infatti un concetto già caro a Robert Rauschenberg che con il suo progetto ROCI ( Rauschenberg Overseas Culture Interchange) aveva in animo di creare una comunità di scambi e di accordi. L'Artista con il suo progetto ”Be Boz Be Art” coinvolge persone provenienti da ogni parte del mondo e dalle più diverse estrazioni sociali, convinto che anche da chi mai si sia professato “artista” possano nascere spunti artistici di assoluta bellezza, tanto nella pittura quanto in ogni forma espressiva. Ecco perchè Julien Friedler ha voluto un confronto con Alessio-b, per poter annoverare tra le sue collaborazioni anche una performance con uno Street Artist padovano che con la sua poetica fatta di immagini inneggianti alla Pace ed all'Amore universale ha conquistato migliaia di ammiratori portandolo ad esporre dalla Biennale di Venezia alle Gallerie di mezzo Mondo.

INFORMAZIONI

Promossa da: Association Julien Friedler, pour l'Art Contemporain Spirit of Boz. Città di Abano Terme.

Villa Bassi, via Appia Monterosso, 56 ad Abano Terme.

Orari
Da lunedì a venerdì 9.30 - 13.
Sabato e domenica 16 - 18.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Gauguin e gli Impressionisti. Capolavori dalla Collezione Ordrupgaard a Palazzo Zabarella

    • dal 29 settembre 2018 al 27 gennaio 2019
    • Palazzo Zabarella
  • Antonio Ligabue “L’uomo, il pittore” ai Musei Civici Eremitani

    • dal 22 settembre 2018 al 17 febbraio 2019
    • Musei Civici agli Eremitani
  • Mostra “Tavoli di guerra e di pace. 1918 Padova capitale al fronte - Da Caporetto a Villa Giusti” al San Gaetano

    • Gratis
    • dal 6 ottobre 2018 al 6 gennaio 2019
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano

I più visti

  • Gauguin e gli Impressionisti. Capolavori dalla Collezione Ordrupgaard a Palazzo Zabarella

    • dal 29 settembre 2018 al 27 gennaio 2019
    • Palazzo Zabarella
  • Antonio Ligabue “L’uomo, il pittore” ai Musei Civici Eremitani

    • dal 22 settembre 2018 al 17 febbraio 2019
    • Musei Civici agli Eremitani
  • Bob Sinclar a Padova, dj set in Piazza Garibaldi 

    • Gratis
    • 20 dicembre 2018
    • Piazza Garibaldi
  • "Il Villaggio Eremitani: la Fabbrica di Babbo Natale" a Padova

    • dal 23 novembre 2018 al 6 gennaio 2019
    • Piazza Eremitani
Torna su
PadovaOggi è in caricamento