Il geografo che studia il consumo di suolo: "Padova e Veneto record negativo, servono misure di compensazione"

Il prof. Pappalardo: "Padova ha delle criticità legate al sistema di drenaggio a livello urbano. Quando si verificano degli eventi più o meno estremi, questi problemi emergono"

"La città di Padova ha delle criticità legate al sistema di drenaggio a livello urbano, così quando si verificano degli eventi metereologici, più o meno estremi, questi problemi emergono. Ci sono stati a Padova tre eventi molto importanti dal punto di vista pluviometrico, venerdì, sabato e domenica. La capacità di carico idraulica è stata messa a dura prova tanto che le problematiche che sono poi emerse sono state gravi in molte zone della città". Eugenio Pappalardo è ricercatore e docente di geografia del Master in GIScience e droni, presso il Dipartimento di Ingegneria (ICEA) dell'università di Padova. Siamo andati a trovarlo in facoltà per capire qualcosa in più della situazione in cui si viene a trovare la città quando si verificano fenomeni come quelli di sabato 21 luglio. "Lo conferma anche lo studio di Ispra usciti nell'ultima settimana, i dati sul consumo di suolo a Padova non sono affatto confortanti. Circa il 49% del suolo è completamente impermeabile". 

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con all'attivo due dottorati, il primo in geografia fisica e umana, l'altro in agronomia ambientale, è esperto di Sistemi Informativi Geografici e analisi territoriali complesse. Insieme al gruppo "territori delle diversità ecologiche e culturali", guidato dal prof. Massimo De Marchi, da anni porta avanti ricerche sulla sostenibilità ambientale in ambito urbano, rurale e tropicale, con diversi progetti Amazzonia.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In particolare il prof. Pappalardo sta conducendo, nell'ambito delle attività di ricerca del Master in GIScience “Servizi Ecosistemici Urbani”, una meticolosa ricerca sul "consumo di suolo" - ossia il processo di impermeabilizzazione dei suoli - basandosi su immagini aeree multispettrali ad altissima risoluzione del territorio padovano e modellizzazione spaziale utilizzando indici ecologici urbani. "Abbiamo usato per l'analisi l'indice BAF" afferma, "ossia il Biotope Area Factor. Un indice ecologico che permette di mappare il suolo consumato e di esprimere con valori da 0 ad 1 il grado di permeabilità delle superfici".

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sperimentazione, condotta su quattro aree urbane (San Lazzaro, Forcellini, Basso Isonzo, Brentelle), ha permesso di identificare le aree della città più impermeabili e quindi più esposte a criticità idrauliche legate ad eventi climatici importanti come quelle dei giorni scorsi. "Tornare indietro rispetto al consumo di suolo - spiega il prof. Pappalardo - non si può. Difficilmente poi si va a ripristinare un'area industriale a terreno naturale. Si può però mettere in atto misure di mitigazione e compensazione: come e dove si va a costruire, ad esempio. Oppure recuperare aree abbandonate. Qui però siamo nell'ambito della rigenerazione urbana. Intervenire con soluzioni come i giardini verticali può essere anche una soluzione. Le piante assorbono acqua, la trattengono e sono in grado di farla evapore. Usare meccanismi e principi biologici delle piante".

consumo di suolo quartieri-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cani e proprietari: emergenza Coronavirus, come comportarsi col proprio animale

  • Michele, con la famiglia in isolamento per senso di comunità

  • Live - Coronavirus: morto Adriano Trevisan, altri 9 casi accertati a Vo'. Università chiuse

  • LIVE - Emergenza Coronavirus: nuovi casi in provincia, negativo il tampone del presunto "paziente zero". Scuole, università, uffici chiusi

  • Coronavirus, c'è un contagiato a Vigodarzere. É uno degli infettati a Dolo

  • Coronavirus: primi due casi sospetti nel Padovano, l’ospedale di Schiavonia verrà svuotato

Torna su
PadovaOggi è in caricamento