Estate senza fumo, si può: anche in Veneto sono sempre più quelli che dicono no

Una nota positiva sembra arrivare proprio dall’industria del tabacco che, per rispondere alle esigenze dei fumatori, da anni investe in ricerca e sviluppo dando vita a nuove soluzioni sempre più in linea con le necessità e abitudini in costante evoluzione

Uno dei temi più ricorrenti dell’estate 2017 è quello del divieto di fumo in spiaggia. C’è chi lo chiede in nome di una maggiore tutela della salute, e chi è semplicemente infastidito dalla maleducazione di alcuni fumatori non attenti alla cenere che vola con il vento, al fumo passivo sotto l’ombrellone e ai mozziconi nella sabbia.  Già in diverse spiagge in Italia e in Europa le sigarette sono state vietate e per i trasgressori sono state previste multe molto salate.
In particolare nel nostro paese le spiagge che aderiscono alla richiesta di diventare “smoking free” sono sempre più numerose: dalla Liguria, con i Bagni di Sant’Antonio delle Fornaci vicino Savona, alla rinomata e lunghissima spiaggia di Bibione in Veneto, antesignana delle campagne antifumo dal 2014. 

FENOMENO INTOLLERABILE. L’esercito dei detrattori del fumo ha molte ragioni: prima di tutto il problema dei mozziconi, iper-inquinanti e antiestetetici, oramai un fenomeno anche numericamente intollerabile. A Milano, per esempio, un recente studio ha calcolato che ogni giorno vengono gettati a terra almeno un milione di mozziconi: rifiuti che non solo devono essere debitamente raccolti, ma che sono anche difficilmente smaltibili. Smettere di fumare rimane senza dubbio la scelta migliore che un fumatore può fare: per la propria salute in primis ma anche per tutto ciò che gli sta intorno, ma i fatti e i dati dimostrano che non tutti ci riescano o abbiano veramente intenzione di farlo. I dati rilasciati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, per esempio, non sono per nulla incoraggianti, con una stima di circa 1 miliardo di fumatori al mondo nel 2025. Una nota positiva, tuttavia, sembra arrivare proprio dall’industria del tabacco che, per rispondere alle esigenze dei fumatori, da anni investe in ricerca e sviluppo dando vita a nuove soluzioni sempre più in linea con le necessità e abitudini in costante evoluzione. Sul mercato già esistono infatti prodotti “smoke-free”, che sono una valida alternativa per la salute e per il rispetto del prossimo, anche sotto l’ombrellone. Dai sostitutivi che contengono nicotina alle sigarette elettroniche, fino ai prodotti a base di tabacco ma senza fumo. L'ultima frontiera proposta da uno dei giganti del tabacco è il meccanismo che permette di scaldare il tabacco senza bruciarlo: una nuova frontiera che si può notare già in numerose località d'Italia.

Potrebbe interessarti

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Tumori, scoperto il meccanismo per il controllo della proliferazione cellulare

  • Ferragosto da bollino rosso sulle autostrade venete: giorni di traffico intenso

  • Al top in Italia e nel mondo: Università di Padova al 160esimo posto su 20mila atenei valutati

I più letti della settimana

  • Terribile frontale auto-moto, gamba amputata per i due centauri padovani: sono in pericolo di vita

  • Decide di farla finita lanciandosi dal terzo piano di un hotel del centro: tragico suicidio a Padova

  • Ferragosto di sangue: lo schianto in autostrada è violentissimo, muore a 22 anni

  • Fermata e soccorsa mentre corre nuda in centro a Padova: «Sono sonnambula»

  • Tentato stupro vicino alla sagra: strattonata e trascinata da due uomini verso un vicolo

  • Drammatico incidente stradale nella Bassa: 36enne muore in ospedale per le gravi lesioni subite

Torna su
PadovaOggi è in caricamento