Smog, Padova è maglia nera in Veneto: quarta città più inquinata d'Italia

Legambiente: "Dalla malattia dello smog sarebbe possibile liberarsi seguendo la ricetta di Legambiente, nota alle forze politiche in lizza per le prossime elezioni cittadine. Gli ingredienti: più alberi in centro e in periferia, reti ciclabili e ciclabilità diffusa, potenziamento dei mezzi pubblici"

In questo primo scorcio del 2017 Padova è la quarta città più inquinata d’Italia dal  Pm10. La denuncia da parte di Legambiente: “Infatti  – spiega Lucio Passi, portavoce di Legambiente Padova - con 48 giorni di superamenti del limite di legge giornaliero siamo dietro solo a Torino, con 54 giorni, Frosinone e Cremona, con 52 e alla pari con Vicenza, facendo peggio delle altre città venete: Venezia è a 47 superamenti, Treviso a 42, Verona a 38.”

LA DENUNCIA. "Inoltre abbiamo peggiorato la nostra posizione rispetto al 2016 e al 2015 in cui eravamo l’undicesima città inquinata”. “Secondo molti sondaggi- continua Passi - lo smog preoccupa tantissimo gli italiani. La ricerca Eumetra, presentata da Mannheimer il 30 marzo, ci dice che il 79% lo vede come un problema prioritario. Nonostante ciò la campagna elettorale per il Sindaco a Padova indica che solo uno dei contendenti ne abbia fatto la priorità. A far fischiare le orecchie ai politici, però, basterebbe il fatto che anche quest’anno l’Italia rischia la procedura d'infrazione UE che comporterebbe una multa fino ad un miliardo di euro. Siamo già stati condannati nel 2012 ma ad oggi la situazione non sembra migliorata, tant’è che siamo il Paese europeo con la mortalità maggiore connessa alle micropolveri: 66.000 morti premature all'anno. E non basta: la direttiva UE del 30 novembre 2016 prevede la riduzione del 40% delle emissioni delle polveri sottili entro il 2030, cosa che dovrebbe fare anche Padova.”

RICETTA ANTI SMOG. “Dalla malattia dello smog sarebbe possibile liberarsi –sottolinea Passi-  seguendo la ricetta di Legambiente, nota alle forze politiche in lizza per le prossime elezioni cittadine. Gli  ingredienti sono: più alberi in centro e in periferia, reti ciclabili e ciclabilità diffusa, potenziamento dei mezzi pubblici utilizzando gli introiti derivanti dalle multe degli autovelox, tariffazione per scoraggiare l’utilizzo delle auto. Finora condivide questo programma solo il candidato Lorenzoni: per il bene di Padova dovrebbero farlo anche gli altri” conclude Passi.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Live - Nuovi contagi anche nel Padovano, Luca Zaia avverte: «C'è poco da scherzare»

  • Coronavirus, Zaia: «Siamo tornati da rischio basso a rischio elevato, lunedì inaspriamo le regole»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Rovesci e forti temporali in arrivo in tutto il Veneto: "allerta gialla" della Protezione Civile

  • Live - Aumenta l'indice di contagiosità, botta e risposta Zaia-Crisanti

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento