Padova e le emissioni di Co2: entro il l'obiettivo è ridurle del 40%

Anche Padova si vuole impegnare per ridurre le emissioni di gas climalteranti e aderire al “Patto dei Sindaci per l’energia e il clima – Covenant of Mayors for Climate & Energy” dell’Unione Europea

Una veduta aerea del centro di Padova

Anche Padova si vuole impegnare per ridurre le emissioni di gas climalteranti e aderire al “Patto dei Sindaci per l’energia e il clima – Covenant of Mayors for Climate & Energy” dell’Unione Europea. Dopo aver sottoscritto nel 2010 il Patto dei Sindaci che si poneva l’obiettivo di ridurre del 20% le emissioni di CO2 entro il 2020, oggi l’Amministrazione si pone l’obiettivo di ridurle, entro il 2030, del 40%. Il Patto persegue gli obiettivi 11 (Città Sostenibili) e 13 (Lotta ai cambiamenti climatici) dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Riduzione emissioni

«La riduzione delle emissioni, attraverso l’efficienza energetica e l’uso di fonti rinnovabili, e l’adattamento ai cambiamenti climatici sono sfide del nostro tempo che vedono le città in prima fila – spiega l’assessora all’Ambiente Chiara Gallani – Si tratta di questioni che hanno un grande impatto sulla vita di ogni giorno: i gravi danni dello scorso luglio sono davanti ai nostri occhi e lo dimostrano in maniera inequivocabile. Per affrontare questi cambiamenti e rendere più resilienti le città è indispensabile condividere visioni, esperienze e risultati facendo parte di una rete europea e mondiale».

Patto

Il Patto dei Sindaci per l’energia e il clima è aperto infatti alla partecipazione degli enti locali di tutto il mondo e prevede appunto, accanto alla riduzione delle emissioni di CO2, anche una serie di politiche per l’adattamento ai cambiamenti climatici. Per questo il Piano d’azione per l’energia sostenibile (Paes) che il Comune di Padova ha adottato nel 2011 diventerà un Piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima (Paesc) che sarà adottato dal Consiglio Comunale e prevederà anche una serie di rapporti di monitoraggio.

L'ass. Gallani

«Padova è già particolarmente attiva sul fronte dell’adattamento ai cambiamenti climatici – continua l’assessora Gallani – Partecipiamo già a diversi progetti nazionali e europei e siamo coordinatori di Veneto ADAPT, progetto co finanziato dal programma Life dell’Unione Europea, che mira a sviluppare una metodologia operativa integrata in questo ambito. Veneto ADAPT permette di avvalersi di competenze tecnico scientifiche di alto livello (tra i partner c’è anche Iuav) nella redazione del Paesc». La proposta di adesione al “Patto dei Sindaci per l’energia e il clima” sarà discussa in Consiglio Comunale. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro: muore l'imprenditore Tiziano Faccia, fratello dei Serenissimi del Tanko

  • Trova un rotolo di banconote per terra e lo consegna alla polizia locale: succede nell'Alta

  • Violento schianto contro un platano: conducente estratto dalle lamiere e trasportato in ospedale

  • Giallo ai piedi della Specola, due cadaveri in casa: sono due fratelli

  • Colpo grosso al centro commerciale: rubato materiale tecnologico per 30mila euro

  • Caso Tigotà: gli audio di una capo-area che smascherano l'organizzazione dello sciopero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento