Arcella avrà una nuova biblioteca e un nuovo centro anziani

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Passa anche con il voto della Consigliera Cristina Toso in Consiglio Comunale di ieri sera (martedì 11 febbraio) la variante urbanistica per la costruzione del Centro Anziani (ora Età d'Oro) e per la nuova Biblioteca "Jacopo Da Ponte" in via Jacopo da Ponte "perchè il mio compito - afferma la Consigliera Cristina Toso, v.Presidente della Commissione alle Politiche Culturali di Padova - è anzitutto difendere i servizi per le fasce più deboli della mia Comunità dell'Arcella in Padova: Bambini e Anziani.

La storia della Biblioteca del Quartiere Arcella ha una storia lunga e travagliata così come il Centro Età d'Oro, che ieri sera erano al centro della discussione del Consiglio Comunale."Le due entità - prosegue la Consigliera Cristina Toso - hanno l'opportunità, con questo voto favorevole, di convivere in un'unica costruzione. Due realtà che potranno, una affianco all'altra, realizzare appieno l'obiettivo più importante: dare luoghi di relazione sani a bambini e anziani, a ragazzi e giovani, a mamme e papà".

Purtroppo, l'attuale realtà non consente appieno la realizzazione di questo obiettivo perchè le attuali sedi della Biblioteca e del Centro Anziani non sono appropriate per questo obiettivo perchè:

- sono situate in locazioni differenti

- sono ricche di barriere architettoniche

- sono troppo piccole

- non sono, sostanzialmente, perfettamente idonee al loro scopo.

La biblioteca di quartiere di via Jacopo da Ponte all'Arcella, posta di fronte alla scuola dell'Infanzia e all'asilo nido, è luogo di relazione tra famiglie, tra Anziani; è un luogo culturale di alto livello dove anche Mario Rigoni Stern è venuto personalmente ospite per raccontare i luoghi della Grande Guerra, della Pace e dell'Amore per le nostre comunità, è luogo di vita dell'Arcella.

La costruzione che verrà è ecocompatibile, è ecosostenibile ed equa perchè costruita nel rispetto dell'ambiente che la circonda, "perchè è per tutti i cittadini e le cittadine - conclude la Consigliera Toso - perchè risponde a una esigenza di cultura, di relazione e di cittadinanza degli arcellani: non cittadini di serie B ma anch'essi cittadini di serie A".

Torna su
PadovaOggi è in caricamento