Bitonci: "Basta violenza, interrogherò il Parlamento sul caso Padova"

Il commento dell’onorevole Massimo Bitonci, segretario della sezione padovana della Lega Nord, alla notizia dell’ennesimo episodio di violenza, occorso nei pressi della stazione ferroviaria

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

“Venerdì sera, in prossimità della stazione ferroviaria di Padova, poche ore prima dell’inizio di una manifestazione contro il degrado, è andata in scena l’ennesima rissa fra immigrati. Ho già preparato un’interrogazione parlamentare che presenterò alla Camera nei
prossimi giorni. L’amministrazione comunale non è in grado di risolvere i problemi di degrado? Ci pensi il Parlamento”.

Questo il commento dell’onorevole Massimo Bitonci, segretario della sezione padovana della Lega Nord, alla notizia dell’ennesimo episodio di violenza, occorso nei pressi della stazione ferroviaria.

“Quello di venerdì scorso è solo l’ultimo di una serie di fatti che, giorno dopo giorno, si susseguono all'ombra del Santo. Il sindaco
Zanonato non ha saputo dare risposte concrete e, nonostante l’opera delle forze dell’ordine, i nostri concittadini vivono nel panico. Alla rapina del pasticcere che andava a lavorare, allo stupro di due giovani donne, a tutti gli altri episodi criminosi che riempiono l’agenda del terrore padovano – insiste Bitonci – la Giunta ha sempre risposto con schizofrenia. Per l’assessore Marco Carrai e il vice sindaco Ivo Rossi tutto questo era normale, almeno fino a quando la collega Silvia Clai, Assessore alla partecipazione, si è esposta, contro la linea della maggioranza, dicendo che a Padova non si può vivere. Trascorsi pochi giorni, a parte la disposizione di ordinanze inutili, come la chiusura al transito ciclabile dei giardini dell’Arena... il silenzio. Un silenzio che voglio rompere quanto prima in Parlamento”.

Torna su
PadovaOggi è in caricamento