Bitonci (Lega): "Stazione di Padova centro di illegalità"

L'onorevole padovano del Carroccio interviene dopo l'episodio di violenza registrato in città: un nigeriano nullafacente avrebbe, con il pretesto di dare un passaggio, abordato e poi tentato di violentare presso la propria abitazione una connazionale di 15 anni

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Presentata quest'oggi dal parlamentare padovano Massimo Bitonci una interrogazione parlamentare sull'ultimo episodio di violenza verificatosi nei pressi della stazione ferroviaria a Padova.

Sulla base di informazioni di qualche quotidiano padovano dove si riportava la notiza secondo la quale un nigeriano nullafacente avrebbe, con il pretesto di dare un passaggio, abordato e poi tentato di violentare presso la propria abitazione una connazionale di 15 anni, l'onorevole Bitonci ha chiesto al Ministro dell'Interno di poter verificare se, data la situazione di estrema pericolosità della stazione di Padova, egli non ritenga opportuno adottare delle opportune iniziative.

"La stazione di Padova è ormai diventata il centro dell'illegalità cittadina - afferma il deputato leghista - e questo ultimo episodio ne è la prova più concreta. Gli sforzi delle forze di polizia e dell'esercito sono enormi, ma di fronte all'inerzia dell'amministrazione comunale, altro non rimane che chiedere un intervento del Ministro competente. I cittadini sono esasperati, come non capirli? Padova e i padovani meritano di meglio!".

Torna su
PadovaOggi è in caricamento