Centri sociali a Palazzo Moroni, l'attacco di Fratelli d'Italia a Coalizione Civica

Il neonato circolo "Padova d'Italia" tuona: «È ora di dichiarare ai padovani se questa ipotetica Coalizione è coesa verso la legalità o predilige l’ambiguità». Critice anche verso il sindaco Giordani

Claudio Gori e Massimiliano Barison

«Palazzo Moroni non deve concedere spazi pubblici per promesse pro illegalità». Si apre un nuovo giorno di polemiche, e questa volta sono firmate Fratelli d'Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le critiche a Giordani e a Coalizione Civica

A spiegare le ragioni del partito è Claudio Gori, neo presidente del circolo "Padova d’Italia": «Dalla Sala Anziani alcuni attivisti dei centri sociali, titolari di foglio di via e ritenuti rei di un violento assalto contro un corteo padovano autorizzato in luglio 2017, hanno apertamente attaccato le decisioni del Questore e umiliato indirettamente l’operato delle forze dell’ordine. Il sindaco Giordani, con delega alla sicurezza, è dalla parte della legalità o altrove?». Massimiliano Barison, coordinatore di Fratelli d’Italia Padova, si affida invece a un ragionamento più generale: «La violenza è sempre nemica della lecita libertà di pensiero, non è la soluzione per imporre brutalmente e politicamente una soggettiva ideologia o pensiero. Esprimo la mia totale solidarietà alle forze di polizia, vittime anche dell’intolleranza di parte della sinistra al governo cittadino». Chiude il giro di interventi Silvia Battistini del circolo "Padova d’Italia": «Coalizione Civica, partner elettorale del vice sindaco Lorenzoni, mette in dubbio le decisioni del Questore e legittimità del foglio di via. È ora di dichiarare ai padovani se questa ipotetica Coalizione è coesa verso la legalità o predilige l’ambiguità. Non è possibile mettere a ferro e fuoco il centro storico di Padova e ribellarsi alle decisioni legittime del Questore per poi essere liberi di limitare la democrazia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Clamoroso, dopo 2 giorni di attività il Gasoline chiude: «Troppi rischi, gettiamo la spugna»

  • Ubriachi, senza mascherina e assembrati in piazza: un 23enne viene arrestato (Il video)

  • Schianto fatale contro un platano: donna muore tra le lamiere della sua auto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Coronavirus, il primo aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento