Luca Zaia e Roberto Marcato "attaccano" l'Europa: «Si sta comportando in modo vergognoso»

Dopo le parole del Governatore del Veneto («Non capisco come mai ci sia ancora questa sudditanza verso l'Europa, e non ve lo sta dicendo un antieuropeista») sono arrivate quelle dell'assessore: «Un’Europa così non serve a nulla ed è un ostacolo»

Luca Zaia e Roberto Marcato

«Non capisco come mai ci sia ancora questa sudditanza verso l'Europa, e non ve lo sta dicendo un antieuropeista». A dichiararlo in chiusura del punto stampa di giovedì 26 marzo è stato Luca Zaia, Presidente della Regione Veneto. E proprio alla luce della sottolineatura finale è una frase che ha fatto doppiamente rumore.

Luca Zaia

Non è stata l'unica, però. Anzi, è stata solo la prima in ordine temporale pronunciata sull'argomento dal Governatore del Veneto, il quale venerdì 27 ha rincarato la dose, specificando il motivo della sua "rabbia": «Io mi chiedo dov'è finita l'Europa, perché qui oltre all'emergenza sanitaria c'è quella economica». E sabato 28 ha ribadito il concetto: «L'Europa si sta comportando in maniera vergognosa nei nostri confronti». Un "crescendo" che denota la grande delusione - peraltro ampiamente manifestata a livello nazionale anche dai membri del Governo - per lo scarso supporto dell'Unione Europea all'Italia durante questa emergenza Coronavirus.

Roberto Marcato

E a dare man forte a Luca Zaia arriva anche Roberto Marcato, assessore regionale allo sviluppo economico, il quale parlando sempre sabato 28 dei rischi economici legati al post-emergenza ha affermato: «Abbiamo già inviato al Governo le nostre osservazioni: queste riguardano, tra l’altro, le regole per l’accesso al credito stabilite dall’Unione Europea che devono essere riviste per dare la possibilità agli istituti di erogare i finanziamenti con maggior flessibilità, e la sterilizzazione del rating per le aziende costrette a chiedere la moratoria, perché è impensabile che le aziende paghino senza avere alcuna responsabilità. E confido che il Governo porti a casa questa partita, che è un punto essenziale, perché, come dice il Presidente Zaia, un’Europa così non solo non serve a nulla, ma rappresenta solo un ostacolo». Anche la Regione, quindi, fa la voce grossa con l'Europa. In nome del proprio popolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Le acque del Bacchiglione restituiscono un corpo. Accanto l'auto abbandonata

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

  • Live - Sangue sulle strade. Arrestato l'ex vicepresidente del Padova. Rogo sui Colli

Torna su
PadovaOggi è in caricamento