Coronavirus, Giordani e Bressa: «Spezziamo le catene della paura e ripartiamo»

Il sindaco di Padova e l'assessore alle attività produttive hanno parlato a margine dell'incontro a Palazzo Moroni con le associazioni economiche di categoria

Antonio Bressa e Sergio Giordani

Un importante incontro, tenutosi nella tarda mattinata di giovedì 27 febbraio a Palazzo Moroni con le associazioni delle categorie economiche per fronteggiare anche in questo campo l'emergenza Coronavirus. E un'occasione, per il sindaco Sergio Giordani e l'assessore alle attività produttive Antonio Bressa, per esporre il proprio pensiero in merito.

Sergio Giordani

Dichiara il sindaco Giordani: «Prima di tutto voglio rassicurare ancora una volta i padovani, ci stiamo attenendo alla lettera alle disposizioni della Regione Veneto e del Governo e siamo in attesa di sapere da loro come continuerà dopo il primo di marzo la situazione. Bisogna avere fiducia negli scienziati e nelle autorità competenti. Allo stesso tempo, seguendo i suggerimenti di igiene e di comportamento personale diffusi, dobbiamo collettivamente vincere la paura, vivere la nostra città, coltivare le nostre relazioni. Questo allarmismo è sbagliato e alimenta un circolo vizioso di timori che ci stanno danneggiando gravemente. Tutti insieme dobbiamo avere la forza di spezzare questa catena di paure e riconquistare la serenità. Calma e buon senso, non ha senso chiudersi in casa in massa, la situazione è sotto controllo e le misure messe in campo danno i loro risultati positivi. Oggi dalle categorie economiche ho raccolto un quadro molto difficile, ma dal quale senza dubbio sapremo risollevarci reagendo con forza come noi padovani sappiamo fare. Come Comune stiamo pensando a tutte le misure e iniziative per avviare appena sarà possibile la riparazione del danno di reputazione che ha colpito tutto il Veneto e anche la nostra comunità. Una città d’arte come la nostra, così bella e lanciata verso nuove sfide che vogliamo vincere ha in se la forza di reagire, ma non possiamo essere lasciati soli. Ho attivato tutti i canali possibili col Governo nazionale e con la Regione per far presente la situazione e chiedere adeguate misure. Nelle prossime ore metteremo in campo anche precise richieste che poi sarà necessario siano sostenute da tutto il sistema istituzionale della città e da tutti i nostri esponenti politici indipendentemente dai partiti e dagli schieramenti. Questo è il momento dell’unità per la città, della compattezza per esigere la vicinanza al nostro territorio della Regione e di Roma. Io come Sindaco farò la mia parte mettendo tutto l’impegno possibile. Usciremo da questa situazione presto e sono certo che con la forza della collaborazione ne usciremo al meglio».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Antonio Bressa

Afferma l'assessore Bressa: «Abbiamo voluto raccogliere le testimonianze di tutte le categorie economiche per fotografare con precisione i riflessi negativi che l'emergenza legata al coronavirus sta provocando sulla nostra economia. La situazione è effettivamente allarmante, quindi la speranza è che ci siano presto le condizioni per un ritorno alle normali abitudini da parte della popolazione, pur con tutte le precauzioni e gli accorgimenti consigliati dal mondo medico e secondo i tempi che saranno dettati dalle autorità preposte. Ma intanto ci vogliamo rivolgere in particolare allo Stato e alla Regione, affinché siano attivate forme di sostegno economico non solo per i comuni focolaio ma per tutte le aziende del nostro territorio colpite da questa situazione, così come è anche stato chiesto dalla Camera di Commercio di Padova. Su questo abbiamo preso un impegno preciso per rappresentare le istanze emerse in tutte le sedi opportune. Dopodiché abbiamo deciso tutti insieme di concentrarci, appena sarà pienamente possibile, su una grande operazione di rilancio dell’immagine del nostro territorio e in particolare, per quanto ci riguarda, della città. C’è la forte volontà di superare questa fase tornando ad essere attrattivi nei confronti di visitatori e investitori che sono elemento fondamentale della nostra economia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Live - In serata morto un 47enne. Ripartenza, tornano i pranzi sui colli

  • Gravissimo incidente nella serata: un decesso e due persone ferite nello schianto

  • Coronavirus, Zaia: «Dal primo giugno non ci sarà più l'obbligo della mascherina all'aperto»

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

Torna su
PadovaOggi è in caricamento