«Corteo antifascista vietato? Andarci lo stesso con Costituzione in mano»: la provocazione di Pippo Civati

L'ex Pd e fondatore di Possibile critica la decisione del Prefetto di Padova, chiedendone addirittura le dimissioni: «Il fascismo è finito nel 1945»

Giuseppe "Pippo" Civati

Chiamatela provocazione, o presa di posizione. Sta di fatto che Giuseppe “Pippo” Civati non le manda a dire: l'ex Pd e fondatore di Possibile si scaglia contro la manifestazione prevista per venerdì 29 marzo a Padova.

Il comunicato

Lo fa con uno scarno comunicato, che riceviamo e pubblichiamo: «A Padova viene autorizza la manifestazione di Forza Nuova, ma il Prefetto vieta il corteo antifascista. È assurdo. Ci sono due semplici cose da fare. Primo: andarci tutti lo stesso, con la Costituzione in mano. Secondo: chiedere le dimissioni del Prefetto. Il fascismo è finito nel 1945. E basta».

Potrebbe interessarti

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Ferragosto da bollino rosso sulle autostrade venete: giorni di traffico intenso

  • Dal melanoma alla gravidanza: la testimonianza di Teresa, fanatica della tintarella

  • Al top in Italia e nel mondo: Università di Padova al 160esimo posto su 20mila atenei valutati

I più letti della settimana

  • Ferragosto, fuochi in Prato, musei aperti, feste e sagre: gli eventi del weekend a Padova

  • Ferragosto di sangue: lo schianto in autostrada è violentissimo, muore a 22 anni

  • Si schianta contro un platano a 300 metri da casa: muore un centauro di 28 anni

  • Via libera all'assunzione di 500 giovani medici: la rivoluzionaria scelta della Regione Veneto

  • Tentato stupro vicino alla sagra: strattonata e trascinata da due uomini verso un vicolo

  • Spaventoso incidente al semaforo: tre feriti, due sono bambini. Auto distrutte

Torna su
PadovaOggi è in caricamento