«Corteo antifascista vietato? Andarci lo stesso con Costituzione in mano»: la provocazione di Pippo Civati

L'ex Pd e fondatore di Possibile critica la decisione del Prefetto di Padova, chiedendone addirittura le dimissioni: «Il fascismo è finito nel 1945»

Giuseppe "Pippo" Civati

Chiamatela provocazione, o presa di posizione. Sta di fatto che Giuseppe “Pippo” Civati non le manda a dire: l'ex Pd e fondatore di Possibile si scaglia contro la manifestazione prevista per venerdì 29 marzo a Padova.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il comunicato

Lo fa con uno scarno comunicato, che riceviamo e pubblichiamo: «A Padova viene autorizza la manifestazione di Forza Nuova, ma il Prefetto vieta il corteo antifascista. È assurdo. Ci sono due semplici cose da fare. Primo: andarci tutti lo stesso, con la Costituzione in mano. Secondo: chiedere le dimissioni del Prefetto. Il fascismo è finito nel 1945. E basta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro auto moto lungo la Romea: i veicoli prendono fuoco, morto il centauro

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Live - Coronavirus, un nuovo decesso all'ospedale di Padova

  • Coronavirus, l'aggiornamento a Padova e in Veneto: positive anche due sorelline di 3 e 6 anni

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e in Veneto

  • Frodi fiscali nelle importazioni di auto usate: sequestrati beni per 2 milioni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento