Edificazione area parco Iris, Idv: "Contrari a progetti del genere"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Bene ha fatto l'amministrazione comunale di Padova a rispedire al mittente il progetto di edificazione di nuovi 140 appartamenti nell'area del Parco Iris, una delle aree ambientali più delicate delle nostra città.

Come Italia dei Valori abbiamo sempre espresso una chiara contrapposizione a qualsiasi forma di lottizzazione senza un preventivo studio approfondito sul rischio di allagamenti (che sistematicamente interessano l'area in oggetto e le abitazioni dei rioni Forcellini e Canestrini) e di impatto urbanistico\architettonico.

In queste ore gli scantinati, i garage più bassi, sono già infiltrati dall'acqua piovana caduta in questi giorni e non riassorbita dal terreno, acqua che affiora in superficie e che i residenti devono aspirare con pompe o altri mezzi. Condizioni che si ripetono sistematicamente da anni ogni qualvolta ci siano piogge abbondanti.

Ricordiamo che già nel febbraio 2011 IdV ha presentato in quartiere e in comune delle mozioni con obiettivi e richieste chiare: 1) Salvaguardare i cittadini residenti da allagamenti e quindi mettere in sicurezza l'area;  2) realizzare il Grande Parco Iris che si dovrebbe estendere fino all'argine del fiume; 3) impedire qualsiasi nuova costruzione senza un preventivo progetto di sviluppo proposto dall'amministrazione comunale che salvaguardi il "cuneo verde", valutando anche la possibilità del "credito edilizio semplificato", cioè un eventuale scambio di aree con il Comune a meno impatto.

Riteniamo che l'area del Parco Iris rappresenti uno dei pochi polmoni verdi di Padova, pensare di destrutturarla con impatti edilizi così devastanti non è conciliabile con una qualità della vita accettabile, per questo progetti del genere ci vedranno assolutamente contrari.


   

Torna su
PadovaOggi è in caricamento